Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Scommesse, SKS365: Tar Puglia e Marche respingono richiesta di sospensiva su mancato rilascio licenza in centri ad Ascoli e Foggia

In: Diritto, Scommesse

24 novembre 2014 - 16:58


scommesse taglia

(Jamma) – Il Tar Puglia, in un’ordinanza del 21 novembre, non ha accolto la domanda cautelare di sospensione del provvedimento con cui il Questore della provincia di Foggia ha respinto l’istanza proposta dal ricorrente al fine di ottenere il rilascio della licenza ex art. 88 del R.D. 18.6.1931, n. 773 per l’attività di trasmissione dati, nel locale della sua impresa individuale, per conto del bookmaker austriaco “SKS365 Group GmbH”.

 

“Considerato che, seppur ad un sommario esame proprio della fase cautelare, non pare sussistere nel caso di specie il fumus boni iuris, tenuto conto della disciplina vigente in Italia che, anche di recente, è stata ritenuta compatibile con il diritto dell’Unione Europea dalla stessa Corte di Giustizia dell’Unione Europea; considerato che, in ogni caso, le questioni sottese al ricorso de quo necessitano di approfondimenti in sede di merito; tenuto altresì conto che, come risulta dalla documentazione depositata dal ricorrente in sede di camera di consiglio, presso i locali il ricorrente stesso gestirebbe una sala giochi e un’attività di internet point; considerato che le attività suddette non sembrano essere in alcun modo compromesse dal provvedimento oggetto di impugnazione che respinge esclusivamente l’istanza volta al rilascio dell’autorizzazione di polizia, ai sensi dell’art. 88 del TULPS, per la elaborazione e la trasmissione per via telematica di dati, aventi ad oggetto proposte di scommesse sportive formulate da clienti/scommettitori ed indirizzato ad allibratore estero (per conto della Società: SKS365 Group GmbH) e che, pertanto, non pare sussistere neanche il requisito del pregiudizio grave ed irreparabile; il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia – Bari, Sezione Seconda, respinge la domanda di misure cautelari”.

 

Stessa decisione è stata inoltre presa dal Tar Marche in riferimento ad una richiesta di sospensiva del decreto con cui il Questore della provincia di Ascoli Piceno (Cat. 11e/P.A.S.I./2014) ha archiviato l’istanza proposta dalla ricorrente al fine di ottenere il rilascio della licenza ex art.88 del RD 18 giugno 1931 n.773 per l’attività di trasmissione dati, per conto del bookmaker austriaco “SKS365 Group GmbH”, in quanto è stata “ritenuta l’inconfigurabilità del dedotto pericolo di pregiudizio grave ed irreparabile”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito