Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Scommesse, incontro tra operatori e vertici dell’Agenzia dei Monopoli

In: Scommesse

16 gennaio 2014 - 15:36


scommesseok

 

(Jamma) Si è tenuto oggi presso la sede dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli un incontro tra i vertici dell’Aams e gli operatori del settore delle scommesse nel corso del quale si è deciso di fissare un doppio ciclo di appuntamenti tra le due parti. Oltre tavolo permanente con incontri mensili, è stato fissato un tavolo più tecnico con incontri più a stretto giro dal punto di vista temporale. Scopo di queste riunioni sarà quello di avere un maggiore confronto, sia su come affrontare nel migliore dei modi problemi di gestione burocratica nel settore delle scommesse e l’importante questione del contrasto al gioco illegale. Un incontro quello odierno che ha soddisfatto, anche se in parte , le aspettative degli operatori. “Ė stato un incontro abbastanza produttivo – ha detto Francesco Ginestra, presidente di Agisco – anche se saranno necessari successivi confronti. Lo scopo è quello di trovare soluzioni immediate per tutelare un settore in crisi e per fare fronte comune contro lo sviluppo dei CTD sul territorio italiano”. “Non possiamo che apprezzare la volontà dell’Amministrazione di confrontarsi con gli operatori del settore”, ha detto Raffaele Palmieri, presidente del sindacato Sicon, che ha avuto modo di presentare le esigenze del settore a Renzo Maccaroni, nuovo capo dell’ufficio Scommesse. “Questo nuovo organigramma ci permette di avere da parte nostra un capace punto di riferimento e allo stesso momento permette all’Agenzia di individuare e attribuire meglio le responsabilità. Purtroppo non era presente il sottosegretario all’Economia Alberto Giorgetti, verremmo che a questi incontri partecipasse anche la politica. C’è un continuo bisogno di cooperazione, mantendoci vigili sia su quello che accade sul territorio, sia con atti normativi adeguati. Siamo un settore fondamentale per il Paese e meritiamo maggiore rispetto dalla politica e nell’opinione pubblica”. Tanti i punti discussi. “Nel 2013 è stato fatto un importante passo in avanti – ha aggiunto – con le 2.000 nuove agenzie. Ora gli obiettivi sono un continuo contrasto all’epidemia del gioco illegale, senza sottovalutare l’importanza dell’ippica, in grado di fidelizzare lo scommettitore verso la rete legale. Non ci scordiamo che è il secondo gioco dopo il calcio. Servono poi interventi per una tassazione omogenea e semplificata rispetto a quella attuale, insostenibile per gli operatori”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito