Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Scommesse. Il ricorso contro chiusura attività di scommesse va ‘discusso’ al Tar locale

In: Diritto, Scommesse

27 giugno 2014 - 08:46


aula-tribunale1

(Jamma) Ricorso ‘rispedito’ alla sede del Tar di zona. Il tribunale amministrativo del Lazio ha dichiarato la propria incompetenza a decidere la controversia tra una società che opera nella raccolta di scommesse e che si è vista ordinare la chiusura dal Questore della Provincia di Bari perchè in difetto di licenza ex art. 88 tulps . Per i giudici “sussistono fondati dubbi sulla competenza del Tar adito, potendosi ritenere competente il TAR Puglia, Bari, in quanto, con sentenza n. 174/2014, la Corte Costituzionale è stata dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 135, comma 1, lettera q-quater), del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104 (Attuazione dell’articolo 44 della legge 18 giugno 2009, n. 69, recente delega al governo per il riordino del processo amministrativo), nella parte in cui prevede la devoluzione alla competenza inderogabile del Tribunale amministrativo regionale del Lazio, sede di Roma, delle controversie aventi ad oggetto i provvedimenti emessi dall’autorità di polizia relativi al rilascio di autorizzazioni in materia di giochi pubblici con vincita in denaro”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito