Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Rapporto annuale Guardia di Finanza: violazioni, sequestri e verbali in tutta Italia

In: Cronache, Scommesse

14 aprile 2015 - 11:53


guardia_di_finanza

(Jamma) – Nel quadro della più ampia azione contro l’evasione fiscale e gli interessi economici della criminalità, la Guardia di Finanza punta alla ricerca ed al contrasto dei fenomeni di abusivismo e di illegalità che interessano il mercato dei giochi e delle scommesse.

 

In tale contesto, il Corpo opera attraverso interventi a tutela: della fiscalità dei giochi, a garanzia del gettito complessivo derivante dalla raccolta; del mercato, contro forme di concorrenza sleale ai danni degli operatori onesti da parte di offerte clandestine, impedendo i tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata e condotte di riciclaggio di denaro sporco; dei consumatori, rispetto ad offerte di gioco illegali, insicure e prive di alcuna garanzia,sia sulla regolarità del gioco,sia sulle probabilità di vincita, tutelando le fasce più deboli, prime fra tutte i minori.

 

L’attività dei Reparti si sviluppa attraverso indagini di polizia giudiziaria per la scoperta delle condotte fraudolenti più gravi e complesse, nonché con l’esecuzione di controlli di natura amministrativa, svolti in forma autonoma o in maniera congiunta nel più ampio quadro dei “piani coordinati di intervento”, eseguiti a livello nazionale in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

 

In Campania, nel 2014, sono stati 628 i controlli di contrasto al gioco illegale, con irregolarità nel 39,5% dei casi. Sono stati sequestrati 107 apparecchi irregolari e individuati 187 punti raccolta di scommesse non autorizzati. Sono stati eseguiti 628 interventi di cui 248 irregolari per violazioni ed irregolarità di varia natura (dai reati informatici alle truffe, all’esercizio abusivo di giochi e scommesse sino alla mancata applicazione del divieto di gioco ai minori).

 

Nel Lazio le fiamme gialle hanno sequestrato 61 centri scommesse abusivi dediti alla raccolta delle giocate, con accertamento di 82 casi di violazione e segnalazione di 86 responsabili.

 

In Emilia Romagna sono stati eseguiti 655 interventi, 554 dei quali hanno evidenziato irregolarità, mentre 824 soggetti sono stati verbalizzati.

 

In Abruzzo sono stati eseguiti 187 interventi, di cui 68 irregolari, 67 violazioni riscontrate e 205 soggetti verbalizzati.

 

Tra i comandi provinciali che hanno diramato i propri dati sulla lotta all’illegalità ci sono Savona, nel 2014 sono stati eseguiti 161 interventi, di cui 27 irregolari, con verbalizzazione di 162 soggetti; Verona, dove si sono registrati 180 interventi, con l’individuazione di 25 responsabili per violazioni ed irregolarità di varia natura; Venezia, con 194 controlli di contrasto al gioco illegale, di cui 133 con esito irregolare con il sequestro di 23 apparecchi per il gioco e 66 punti clandestini di raccolta scommesse; poi anche Brescia, dove sono state eseguite 209 operazioni a contrasto del gioco d’azzardo tramite apparecchi da divertimento e intrattenimento e dell’esercizio abusivo di scommesse, che hanno portato alla verbalizzazione di 208 persone e al sequestro di 51 pc e di un immobile; Piacenza, 39 interventi, di cui 7 terminati con la constatazione di violazioni amministrative e Reggio Emilia, con 43 interventi nello specifico settore, di cui 22 con esito irregolare, che hanno portato al sequestro di 8 apparecchi e congegni da divertimento ed intrattenimento, 23 computer e somme di denaro.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito