Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Il decreto sulle scommesse virtuali ottiene l’ok della Commissione europea

In: Ippica, Scommesse, Sport

18 aprile 2012 - 12:32


scommessebigli

Bloccato a Bruxelles il decreto sulle scommesse on line con interazione tra giocatori

 

(Jamma) Il Decreto direttoriale sulle scommesse virtuali notificato a gennaio in Commissione europea è stato approvato ieri dopo il periodo di stand still durante il quale il testo è stato esaminato dall’Ue e dai vari Stati membri.

Il decreto reca regole relative a “Scommesse su simulazione di eventi da offrire sia su rete fisica, da parte dei concessionari già autorizzati all’esercizio delle scommesse sportive ed ippiche, che con mezzi a distanza, da parte dei concessionari autorizzati ai sensi dell’art. 24, comma 13, della legge 88 del 2009”.
Lo schema di provvedimento, che tiene conto anche delle novità introdotte dall’art. 12, comma 1, lettera h) del decreto legge 39 del 2009, introduce, in via sperimentale, la possibilità di offrire scommesse a quota fissa su simulazione di eventi, secondo parametri tecnici più in dettaglio specificati nell’allegato tecnico, rimandando la regolamentazione delle scommesse a totalizzatore, sempre su simulazione di eventi, a un successivo provvedimento. In pratica si potrà scommettere su eventi generati da un computer e si potrà puntare su partite di calcio, corse di cani o di cavalli e altro ancora. Per giocare servirà un collegamento a internet o un terminale nei punti gioco. La posta unitaria di gioco è fissata a un euro con vincita massima a 10 mila euro e periodo di sperimentazione di almeno 18 mesi. Ad ogni esito, relativo ad una scommessa singola, sul quale è possibile scommettere “deve essere associata una percentuale di ritorno teorico dell’importo scommesso compresa tra l’80 per cento e il 90 per cento”.

Il progetto è costituito da 21 articoli ed un allegato tecnico. La parte dispositiva individua: Finalità, Definizioni, Soggetti abilitati alla raccolta, Collaudo, Sperimentazione, Caratteristiche tecniche del sistema di gioco virtuale, Programma ufficiale, Oggetto delle scommesse, Scommesse ammesse e loro caratteristiche, Ricevuta di partecipazione, Posta in gioco, Percentuali di allibramento e massimali di vincita, Rimborsi, Flussi finanziari, Pagamento delle vincite e dei rimborsi, Termini di decadenza del credito maturato, Obbighi di informazione, Vigilanza, controlli ed ispezioni; Condizioni che comportano la sospensione e revoca dell’autorizzazione alla raccolta delle scommesse, Misure di tutela del giocatore e termini di entrata in vigore del provvedimento. L’allegato approfondisce aspetti tecnici relativi alla piattaforma di gioco virtuale ed alla sua integrazione con il sistema di accettazione del gioco del concessionario.
L’adozione del provvedimento notificato attua quanto stabilito dal comma 88 della legge 296 del 2006, in cui si prevede che, con decreto di AAMS, sia introdotta la disciplina delle scommesse su simulazione di eventi, da offrire sia su rete fisica, da parte dei concessionari già autorizzati all’esercizio delle scommesse sportive e ippiche, che con mezzi a distanza, da parte dei concessionari autorizzati ai sensi dell’art. 24, comma 13, della legge 88 del 2009.
Recentemente i Monopoli di Stato hanno reso nota anche la bozza del protocollo di comunicazione per questo tipo di scommesse. Il protocollo di comunicazione stabilisce le modalità di interazione con il sistema centrale di AAMS dei sistemi di accettazione del gioco. Si ricorda che per il primo anno di attività il Ministero dell’Economia prevede circa 500 milioni di euro di raccolta che saliranno poi a 600 e 700 nei due anni successivi.

 

Scarica il decreto “Scommesse su simulazione di eventi”

Commenta su Facebook


Realizzazione sito