Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Val d’Aosta. Commissione Sevizi Sociali avvia esame ddl regionale su prevenzione e contrato gioco d’azzardo patologico

In: Apparecchi Intrattenimento, Politica

1 aprile 2015 - 10:50


consiglio-regionale_aosta

(Jamma) La Commissione Servizi Sociali del Consiglio Regionale della Val d’Aosta ha avviato oggi l’esame del ddl presentato il 7 luglio scorso concernente “Disposizioni in materia di prevenzione, contrasto e trattamento delle dipendenze dal gioco d’azzardo patologico”.
Il provvedimento è stato proposto dalla Giunta Regionale, Assessorato Sanità e Salute. Successivamente la V Commissione ha disposto una serie di audizioni che hanno visto esprimersi sulla proposta di legge associazioni del terzo settore e associazioni di categoria. Il 7 gennaio scorso la V Commissione ha deciso di rinviare l’espressione del parere.
Il ddl reca una serie di disposizioni per la riduzione del rischio e per il contrasto alla dipendenza del gioco d’azzardo. In particolare, introduce il divieto di apertura di sale da gioco e di spazi per il gioco che siano ubicati a una distanza inferiore a 200 metri da luoghi sensibili. Tale distanza può essere ampliata dai Comuni, i quali possono altresì disciplinare l’orario di funzionamento delle sale da gioco e degli spazi per il gioco, nonché prevedere ulteriori divieti di pubblicità, fermo restando quanto previsto dal d.l. 158/2012. I gestori dei predetti locali devono partecipare ai corsi di formazione organizzati dall’Azienda U.S.L. e finalizzati alla conoscenza e alla prevenzione dei rischi legati al GAP.

L’articolo 5 dà atto dell’attività svolta dall’Azienda U.S.L. in merito al trattamento della dipendenza dal GAP, sia nei confronti delle persone affette da tale dipendenza sia nei confronti dei loro familiari. L’articolo 9 istituisce il marchio regionale “Slot-Free – Regione autonoma Valle d’Aosta” rilasciato ai titolari di esercizi commerciali che scelgono di non detenere nel proprio locale le apparecchiature per il gioco d’azzardo. L’articolo 7 dispone che, a decorrere dal periodo di imposta in corso al 1° gennaio 2015, la legge finanziaria regionale possa prevedere una riduzione dell’aliquota dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per coloro che hanno conseguito il marchio, i quali potranno anche beneficiare di agevolazioni sui tributi comunali.

L’articolo 10 istituisce l’Osservatorio sul GAP, con il compito di monitorare l’andamento del fenomeno della dipendenza da gioco d’azzardo e di formulare le linee di indirizzo e di azione in materia di prevenzione, contrasto e trattamento di tale dipendenza. La composizione dell’Osservatorio e la disciplina delle modalità di funzionamento dello stesso sono demandate alla Giunta regionale.

L’articolo 11 demanda ai Comuni le funzioni di vigilanza sull’osservanza dei divieti e degli obblighi previsti dal presente disegno di legge, l’accertamento delle violazioni e l’applicazione delle relative sanzioni amministrative pecuniarie.

L’articolo 12 reca modificazioni alla legge regionale 29 marzo 2010, n. 11 (Politiche e iniziative regionali per la promozione della legalità e della sicurezza), inserendo le azioni per la prevenzione del GAP tra le iniziative per la promozione della legalità e della sicurezza realizzate dai soggetti e con le modalità di cui alla medesima l.r. 11/2010. In particolare, le iniziative potranno essere realizzate da enti e associazioni operanti in Valle d’Aosta e la Regione potrà erogare contributi per tali iniziative nella misura massima del 30 per cento della spesa ammissibile.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito