Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Un odg impegna il Governo ad autorizzare la riapertura del casinò San Pellegrino Terme

In: Casinò, Cronache, Politica

25 luglio 2012 - 09:12


casino_san_pellegrino

(Jamma) Nella seduta di ieri alla Camera i deputati bergamaschi della Lega Nord Stucchi, Consiglio e Vanalli hanno presentato un ordine del giorno con il quale impegnano il Governo ad autorizzare la riapertura al gioco del Casinò Municipale di San Pellegrino terme (Bergamo), nonché di altre realtà simili nel resto del Paese.

Premesso che – affermano i deputati – il Comune di San Pellegrino Terme (Bergamo) fa parte di una Comunità di Valle composta da 38 comuni, con una popolazione di circa 43.000 abitanti che risiedono e presidiano un territorio montano di oltre 643 kmq (circa un quarto del territorio complessivo della Provincia di Bergamo);

il territorio bergamasco sta sopportando da alcuni anni una progressiva deindustrializzazione, che ha ridotto drasticamente le capacità occupazionali ed ha contribuito allo spopolamento delle zone montane, soprattutto da parte dei giovane, impossibilitati a trovare lavoro;

la delicatezza della situazione socio-economica pregressa, aggravata ancora di più dalla attuale crisi, richiede di essere affrontata sfruttando e sviluppando le risorse che il territorio già offre, senza pesare sulle casse pubbliche;

tra gli elementi maggiormente significativi che hanno contrassegnato agli inizi del Novecento uno straordinario sviluppo economico della zona, che ha portato la cittadina di San Pellegrino ferme alla ribalta nazionale e internazionale come Stazione termale di prim’ordine, determinando la forte crescita dell’intera Valle Brembana, c’è la costruzione di due complessi monumentali, splendide testimonianze di livello internazionale dello stile liberty, che caratterizzano e contraddistinguono ancora oggi San Pellegrino: il Casinò e il Grand Hotel; 
    il Casinò, in particolare, inaugurato come sala da gioco nel 1906, e chiuso nel 1946, ha costituito un formidabile volano per tutta l’economia locale;

il complesso del Casinò e dell’annesso teatro – di proprietà comunale e da poco restaurati – vengono oggi utilizzati per convegni e manifestazioni che hanno ricadute marginali sul sistema economico locale;

l’autorizzazione al Comune di San Pellegrino Terme alla riapertura della casa da gioco costituirebbe una vitale occasione per lo sviluppo turistico vallare;

impegna il Governo

ad autorizzare la riapertura al gioco del Casinò Municipale di San Pellegrino terme (Bergamo), nonché di altre realtà simili nel resto del Paese, consentendo il raggiungimento, senza costi a carico della finanza pubblica, di quell’obiettivo di rilancio economico, sociale ed occupazionale che non è più rinviabile se si vuole concretamente arrestare il processo di decadenza in atto.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito