Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Umbria. Approvata in III Commissione la proposta di legge regionale su gioco patologico

In: Politica

30 settembre 2014 - 11:02


Consiglio-regionale-umbria

(Jamma) La Terza commissione consiliare regionale dell’Umbria, presieduta da Massimo Buconi, ha approvato la proposta di legge “Norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d’azzardo patologico”, con la sola astensione del consigliere Rocco Valentino (FI). Il testo è il risultato di tre differenti proposte aventi come tema comune il contrasto al gioco d’azzardo: la prima redatta da Sandra Monacelli (Udc), la seconda da Oliviero Dottorini (Idv) e la terza dai consiglieri Franco Zaffini, Alfredo De Sio, Andrea Lignani Marchesani (Fd’I) unitamente a Massimo Mantovani, Massimo Monni e Maria Rosi (Ncd). Relatore unico in Aula sarà uno dei proponenti, il consigliere Franco Zaffini, dichiaratosi “soddisfatto di una legge che segna un punto a favore di chi è consapevole del dramma sociale che la ludopatia produce, anche se questo è solo il punto di partenza comunque importante per dotare l’Umbria di una legge su questa problematica”. Le finalità della legge sono: la promozione dell’accesso consapevole e misurato al gioco, per prevenire l’insorgere e la diffusione dei fenomeni di dipendenza, e il contrasto al gioco d’azzardo patologico, comprendendo il rattamento terapeutico e il recupero sociale delle persone che ne sono affette ed il supporto alle loro famiglie. Vengono inoltre stabilite misure volte a contenere l’impatto negativo delle attività connesse alla pratica del gioco sulla sicurezza urbana, sulla viabilità, sull’inquinamento acustico e sul governo del territorio.

SCHEDA
Le finalità della legge sono: la promozione dell’accesso consapevole e misurato al gioco, per prevenire l’insorgere e la diffusione dei fenomeni di dipendenza, e il contrasto al gioco d’azzardo patologico, comprendendo il trattamento terapeutico e il recupero sociale delle persone che ne sono affette ed il supporto alle loro famiglie. Vengono inoltre stabilite misure volte a contenere l’impatto negativo delle attività connesse alla pratica del gioco sulla sicurezza urbana, sulla viabilità, sull’inquinamento acustico e sul governo del territorio.
In questo contesto divengono attori fondamentali anche i Comuni e le Aziende sanitarie, così come viene riconosciuto un ruolo attivo alle associazioni di promozione sociale, alle cooperative sociali, alle associazioni di rappresentanza delle imprese e degli operatori di settore e alle istituzioni scolastiche. Per quanto riguarda i controlli, gli altri attori fondamentali saranno forze dell’ordine e polizia, con specifici protocolli operativi congiunti.

Sarà istituito un numero verde regionale per le segnalazioni e le richieste di aiuto e per fornire un primo servizio di ascolto, assistenza e consulenza per l’orientamento ai servizi competenti. I riferimenti del numero verde dovranno essere affissi su ogni apparecchio per il gioco lecito e nei locali con offerta del gioco. La Regione promuove, senza maggiori oneri per il bilancio regionale, la progressiva introduzione di idonee soluzioni tecniche volte a bloccare automaticamente l’accesso dei minori ai giochi, anche mediante l’installazione di sistemi di lettura automatica dei documenti anagrafici rilasciati dalla Pubblica amministrazione, nonché la creazione di gruppi di auto-aiuto per le persone affette da gioco d’azzardo patologico e i loro familiari.
Le distanze dei locali dove si trovano apparecchi per il gioco lecito dovranno essere di almeno 500 metri da scuole, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito socio-sanitario e centri di aggregazione giovanile. Sarà vietata qualsiasi pubblicità relativa all’apertura e all’esercizio di sale giochi. Sono previste sanzioni da 5mila a 15mila euro, nonché chiusura delle sale da gioco o sigilli agli apparecchi per chi non rispettasse le misure dettate.

Sarà istituito il marchio regionale “no slot” per gli esercizi che rimuoveranno o sceglieranno di non installare apparecchi per il gioco lecito, con incentivazioni che prevedono la riduzione dell’aliquota Irap dello 0,92 per cento.

Prevista altresì la formazione di operatori sociali e sociosanitari, per quelli delle associazioni di consumatori e utenti, per gli educatori delle scuole e dei centri di aggregazione giovanile, oltre che per i gestori di sale da gioco e per il personale, allo scopo di prevenire gli eccessi del gioco, in particolare attraverso il riconoscimento delle situazioni di rischio e delle loro dinamiche.
La Regione potrà concedere contributi ad associazioni e cooperative sociali che si occupano delle problematiche correlate al gioco allo scopo di finanziare progetti integrati con i servizi socio-sanitari territoriali o progetti promossi dalla Regione stessa, disciplinando con proprio atto le modalità di assegnazione dei contributi ed il monitoraggio sull’attuazione dei progetti finanziati.

Fino alla definitiva introduzione nei Lea (Livelli essenziali di assistenza) delle prestazioni relative al gioco d’azzardo patologico, la Regione promuoverà lo svolgimento, da parte delle aziende sanitarie locali, di iniziative, anche a carattere sperimentale, nei confronti di persone affette da dipendenza da gioco d’azzardo patologico e patologie correlate.

NORMA FINANZIARIA: per la realizzazione degli interventi di cui alla presente legge è istituito il Fondo regionale per il contrasto alla dipendenza da gioco d’azzardo patologico. Per l’anno 2014 è autorizzata la spesa di 60mila euro dalle disponibilità della Programmazione socio-sanitaria dell’assistenza distrettuale e ospedaliera, in capo al bilancio regionale di previsione. Per gli anni successivi il finanziamento sarà determinato annualmente con legge finanziaria regionale.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito