Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Umbertide (PG), approvato all’unanimità odg M5S su contrasto slot machine

In: Politica, Primopiano2

6 ottobre 2016 - 10:16


MARCIA INDIETRO SU SLOT, PRONTE MODIFICHE A DECRETO

(Jamma) – Nel corso della seduta dell’ultimo consiglio comunale di Umbertide (PG) sono stati discussi ordini del giorno e interrogazioni presentati dai vari gruppi consiliari. Con l’occasione si è affrontato anche il tema del gioco d’azzardo con l’odg presentato dal gruppo del M5S: “Ordine del giorno per contrastare il fenomeno di diffusione delle “slot machines e videopoker” attraverso l’introduzione di incentivi fiscali a favore degli esercizi commerciali che si impegnano a non installare questi apparecchi nei propri locali” e illustrato dalla consigliera Valentina Pigliapoco.

 

L’ordine del giorno ha evidenziato tutte le questioni di natura sociale connesse agli apparecchi da intrattenimento, ricordando che la legge regionale approvata nel 2014 ha la finalità di promuovere l’accesso consapevole e misurato al gioco per prevenire fenomeni di dipendenza patologica. Al riguardo il M5S ha chiesto pertanto di impegnare il Sindaco e la Giunta a studiare idonee azioni per contrastare questo fenomeno, compresa l’adozione di incentivi fiscali attraverso una riduzione su Imu e Tari a favore dei locali commerciali che decidono di non ospitare slot machines e videopoker; ad incrementare i controlli degli organi competenti per garantire il rispetto delle leggi in materia di giochi d’azzardo elettronici; ad aderire quanto prima al “manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo” e nell’attuare tutte le procedure in esso contenute a difesa della nostra comunità e del bene comune.

 

Nella discussione sono intervenuti i consiglieri Conti, Palazzoli e Monni, l’assessore Montanucci e il sindaco Locchi.

 

Il consigliere Stefano Conti (Umbertide Cambia), ritenendo l’argomento di notevole rilevanza sociale, ha dichiarato il voto favorevole del suo gruppo nella convinzione che le richieste presentate vengano prese in considerazione.

 

Il capogruppo Gianluca Palazzoli (Partito Democratico) ha dichiarato che “quella del gioco è una piaga sociale che si sta allargando nella nostra società. D’accordo quindi su questo o.d.g e sugli impegni che prevede ed adesione anche al Manifesto dei sindaci. Fare attenzione solo sulla riduzione di Imu e Tari, perché c’è un’attenzione al riguardo della Corte dei Conti. Il gruppo del Pd voterà a favore dell’o.d.g.”.

 

La consigliera Giovanna Monni (Umbertide Viva) ha dichiarato di “condividere gli interventi dei consiglieri che l’hanno preceduta ritenendolo un fenomeno inquietante al pari di quelli della tossicodipendenza e dell’alcool. Bene i convegni, i manifesti, le prese di posizione contro questa vera e propria patologia”. Ritiene tuttavia che “il fatto che la L. R. del 2014 non sia stata ancora attuata sia la dimostrazione che il Pd la usa solo per farsi pubblicità”. Ha paura quindi che sia un “O.d.g. di buone intenzioni, ma solo di facciata”.

 

L’assessore Maria Cinzia Montanucci è intervenuta per contestare le affermazioni della consigliera Monni sul Pd. Ha ritenuto che la Monni abbia voluto dire che il Pd, quando vota contro lo fa a prescindere dalla bontà dell’argomento, quando vota a favore lo fa solo di facciata. Questo secondo l’assessore non corrisponde al vero. Su questo argomento è intervenuto di nuovo il capogruppo Pd Palazzoli per affermare che il voto del suo gruppo è un voto convinto e non di facciata. Ha ritenuto poi che gli interventi previsti sono legati all’attività locale, per cui non si capisce il nesso con la legge regionale. La consigliera Monni ha replicato che la ludopatia è disciplinata in Umbria dalla legge regionale del 2014. A caduta poi intervengono i Comuni. Se la giunta regionale non interviene con il marchio “No slot” e non lo consegna a tutti i Comuni, la giunta comunale non può applicare la riduzione dell’Irap per le attività commerciali. A suo parere quindi non si tratta di punti di vista diversi, ma di qualcosa di sostanziale.

 

E’ intervenuto infine il sindaco Locchi sottolineando che, sul merito della questione, c’è l’accordo di tutti perché questo fenomeno delle slot machines è un fenomeno molto diffuso anche a livello locale e quindi approvare un documento all’unanimità finalizzato a contrastarne la diffusione lo ha ritenuto già un fatto molto importante. Ha fatto presente che molte città, tra cui Perugia, hanno da molti anni un regolamento per contrastare la diffusione di questi dispositivi e, attraverso questo regolamento, negli ultimi mesi c’è stata anche una notevole riduzione delle domande di installazione. Pur non essendo attuata la L.R. e mancando anche le linee generali del Ministero i Comuni, secondo il Sindaco, possono fare molto. Ai punti presentati andrebbe aggiunto anche un regolamento, che metta insieme tutta una serie di soggetti (Comune, scuole, Asl, associazioni) permettendo forse di contrastare il fenomeno all’origine. Il Sindaco ha chiesto quindi che a questi punti venga aggiunto anche un altro punto relativo alla predisposizione di un regolamento specifico che dovrà essere discusso in commissione.

 

L’Ordine del giorno è stato messo in votazione ed è stato approvato all’unanimità dai 15 consiglieri presenti.



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi