Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Sulla ludopatia “qualche numero è stato dato a casaccio”

In: Politica

3 settembre 2015 - 15:29


commissioni_senato

(Jamma) – L’osservazione “categorica” e “autorevole” proviene dal Presidente della 12° commissione permanente del Senato intervenuto in Aula il 30 luglio scorso.

 

“Non corrisponde” a verità che per la dipendenza da gioco patologico si spendano miliardi di euro, “non corrisponde” a verità che ci sono milioni di persone in cura per tale dipendenza, e tutti i SERD l’Italia, per tutte le dipendenze (dall’alcool alla droga, dall’azzardo al sesso ecc. ) spendono al massimo, complessivamente 200 milioni.

 

“Evitare” di raccontare menzogne alla gente ed “evitare” di ingenerare paure che non hanno ragione di essere, sono stati i moniti conclusivi che la Senatrice ha rivolto in Aula ai Colleghi, nell’ambito di un intervento finalizzato a sensibilizzare il Senato sulla compattezza e sulla razionalità che non possono mai mancare laddove si chiedano alle Finanze Statali dei contributi economici per i Servizi Sanitari, e fortemente critico nei confronti dei “numeri a casaccio” sparati sul fenomeno della ludopatia.

 

Commentare queste dichiarazioni è forse ultroneo, ma vale la pena di sottolineare come il monito lanciato dal Presidente della Commissione Sanità del Senato sia costantemente violato da tutti i preamboli alle ordinanze sindacali sugli orari delle slot, alle leggi regionali istitutive dei distanziometri, alle mozioni contro il gioco e agli emendamenti legislativi relativi all’inasprimento dei tributi sul gioco lecito.

 

Dall’intervento della Senatrice emerge una verità che AS.TRO sostiene da tempo, consistente nel fatto che chi “ha a cuore” la cura dei dipendenti da gioco, non deve “creare allarmi”, ma perimetrare il fenomeno con precisione chirurgica per consentire ai Servizi di intervenire “per davvero” e non “per demagogia” o “per ideologia”.

 

AsTro

Commenta su Facebook


Realizzazione sito