Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Senato. Renzi ottiene la fiducia, dal M5S critiche su sanatoria maxi-penali e misure sui giochi del ‘decreto Abruzzo’

In: Cronache, Politica

25 febbraio 2014 - 10:19


renzi

(Jamma) Con 169 voti favorevoli contro i 139 contrari, il Senato della Repubblica ha votato in tarda serata a favore della fiducia al governo presieduto da Matteo Renzi. Nel corso delle dichiarazioni di voto dei gruppi politici non sono mancate le critiche alla maggioranza e al nuovo primo ministro Matteo Renzi. Riferimenti al settore giochi, in particolare, sono stati al centro delle dichiarazioni di alcuni senatori grillini. “Ricordate l’emendamento Chiavaroli-Giorgetti? Quello che puniva i sindaci oppositori delle slot machine? Capitò a me di denunciare in Aula quello che avevamo scoperto con le colleghe della Commissione bilancio”, ha esordito il senatore Endrizzi (M5S). “Ma, giorni dopo, Renzi si prese il merito di aver fatto decadere il decreto. Tuttavia, i suoi renziani in Commissione bilancio votarono la riapertura del condono slot machine. Solo dopo le prime agenzie di stampa rientrarono chiedendo per favore di ritirarlo: le colleghe non infierirono, ma loro uscirono con la faccia di bronzo a prendersene il merito con la stampa”, ha aggiunto Endrizzi. Il senatore grillino è tornato sia sul contestato emendamento ‘salva-slot’ contenuto nel primo decreto sugli enti locali poi decaduto per scelta del governo Letta, su indicazione del presidente della Repubblica; sia sul condono sulle penali slot nell’annosa vicenda ancora in corso davanti ai giudici della Corte dei Conti. Si è poi aggiunta la senatrice Blundo (M5S) che ha invece ricordato ai presenti le norme previste dal decreto Abruzzo, approvato poco dopo il terremoto dell’Aquila nel 2009, e che conteneva anche misure sui giochi al fine di garantire maggiori entrate erariali necessarie alla ricostruzione: “Lei ha mentito, come hanno mentito i suoi predecessori” ha detto rivolgendosi al neo-premier la Blundo, “con false promesse di ricostruire L’Aquila con i «gratta e vinci». L’Aquila non è ricostruita ed è aumentata solo la dipendenza patologica dal gioco. Attendiamo fondi certi e trasparenza per la ricostruzione, interventi a regime per gli artigiani, gli agricoltori, le piccole imprese dell’Abruzzo e dell’Italia” ha concluso. Palazzo Madama ha poi approvato con 169 voti favorevoli e 139 contrari la mozione di fiducia al Governo Renzi presentata dai capigruppo della maggioranza

Commenta su Facebook


Realizzazione sito