Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Scuola, M5S: “Stop a progetti prevenzione dal gioco d’azzardo gestiti da portatori di interessi”

In: Politica

24 settembre 2014 - 15:47


scuola

(Jamma) – “Il fatto che progetti di prevenzione del gioco d’azzardo indirizzati a studenti, anche minorenni, siano gestiti da operatori con palesi interessi di promozione e profitto in quel settore è assurdo e chiediamo di interrompere ora e per sempre”.

 

Questo il senso dell’interrogazione, a prima firma Maria Marzana, rivolta al ministro dell’Istruzione Stefania Giannini dai deputati M5S in commissione Cultura e che prende spunto da due specifici casi.

 

“Stiamo parlando – affermano – del programma ‘Giovani e gioco’, che negli anni scorsi ha coinvolto 15 città italiane, promosso dai Monopoli dello Stato, e del più recente caso del progetto ‘Gioco lecito’, promosso dalla Luiss in collaborazione con Confindustria Sistema Gioco Italia. Quest’ultimo, che si è concluso lo scorso mese di giugno, ha coinvolto trenta studenti dell’ultimo anno dei più importanti licei del Lazio, ai quali è stata offerta la possibilità di confrontarsi con esperti del settore del gioco d’azzardo e di conseguire, al termine di questo originale percorso formativo, quattro Crediti Formativi Universitari (CFU).

 

A nostro parere – aggiungono – si prefigura una situazione di conflitto d’interessi in quanto, chi gestisce il Progetto di Gioco lecito, rappresenta anche le maggiori società di profitto da gioco d’azzardo e persegue l’obiettivo di aumentarne i profitti e la platea di soggetti fruitori. Le istituzioni scolastiche non devono e non possono prestarsi a progetti controversi o che possono contenere messaggi ambigui ma anzi, di concerto con il ministero dell’Istruzione, il ministero della Salute e le ASL territoriali, devono promuovere progetti gestiti da personale qualificato e impegnato nell’azione di sensibilizzazione sui rischi del gioco d’azzardo”.

 

Nell’interrogazione Marzana, oltre a chiedere al ministro Giannini di bloccare “qualsiasi iniziativa volta a una formazione gestita da operatori che detengono interessi nell’ambito dei “giochi” invita il titolare del Miur a “diramare specifiche linee guida agli istituti scolastici volte a promuovere progetti educativi che evidenzino i grandi rischi connessi alla fruizione del gioco d’azzardo”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito