Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Rosignano Marittimo (LI), il M5S: “Che fine ha fatto la mozione per contrastare la diffusione delle slot?”

In: Politica

29 settembre 2015 - 09:30


online-slots

(Jamma) – I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Rosignano Elisa Becherini, Francesco Serretti e Mario Settino chiedono all’amministrazione comunale di Rosignano Marittimo (LI) chiarimenti sullo stato di avanzamento della mozione, da loro presentata, “per contrastare la diffusione di slot machine presso locali e bar pubblici”.

 

La mozione, ricordano i consiglieri, “è stata approvata all’unanimità nel Consiglio comunale del 30 settembre 2014, ma non ancora applicata”. “Lo studio più recente sul tema e legato al nostro territorio – spiegano citando i dati dell’associazione Libera presidio Rossella Casini di Castagneto Carducci e San Vincenzo che aveva elaborato i dati Monopoli dello Stato e Guardia di finanza – indicava che solamente nel Comune di Rosignano Marittimo le ‘giocate medie per abitante’ corrispondevano a 140,49 euro, con un numero di ‘macchine da gioco’ pari a 1 ogni 195 abitanti, per un totale di giocate medie annue pari a 4.462.125,00 euro”.

 

“In tali termini la ludopatia è una patologia allarmante e destinata a crescere, qualora non venissero messe in atto azioni di sensibilizzazione e d’intervento, mirate a contrastare questo fenomeno – aggiungono i Consiglieri – Nella nostra mozione chiedevamo alla Giunta di prendere atto del fenomeno della ludopatia e di attivare subito dei chiari provvedimenti per contrastarlo”.

 

Fra questi: “promuovere una campagna di sensibilizzazione tra gli esercenti e verso la cittadinanza intera, attivare una politica di sgravio fiscale per quegli esercenti che si fossero impegnati a non installare slot machine o video lottery nei propri locali e creare un’apposita pagina sul sito web del Comune per indicare gli esercizi commerciali che avrebbero aderito al virtuoso progetto”.

 

“Non più tardi dell’inizio di questa estate, durante il nostro ultimo appello rivolto al sindaco di Rosignano, avevamo ricevuto rassicurazioni sul fatto che entro 15 giorni sarebbe stato avviato l’iter per l’applicazione della mozione – proseguono dal Movimento – Ebbene i 15 giorni sono passati e ci amareggia constatare che tale impegno sia stato nuovamente disatteso”

 

“Inoltre, dobbiamo tristemente convenire che tali atteggiamenti dimostrano disinteresse politico nei confronti della Salute Pubblica – aggiungono i 5 Stelle – nonché una mancanza di attenzione per le istanze del Movimento e del Consiglio comunale stesso, inutile approvare all’unanimità questa mozione e poi non fare niente per renderla operativa”. “Contestiamo quindi – concludono – l’assoluta inefficienza dell’amministrazione nel mantenere gli impegni presi in Consiglio”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito