Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Riccardi: “Non sottovalutiamo il gioco online, rischioso per le fasce più deboli”

In: Apparecchi Intrattenimento, Politica

31 agosto 2012 - 10:24


riccardi

Card. Bagnasco: “Bene libertà di scelta, ma il gioco deteriora la società”

 

Lauro (PdL): “Balduzzi non si pieghi ai ricatti delle potenti lobby del gioco”

 

(Jamma) ”Il gioco online e’ rischioso soprattutto per le fasce deboli, come minori e anziani, abbiamo tanti casi di anziani che si giocano la pensione puntando sulla fortuna perche’ siamo in momento di crisi, in cui le fasce deboli soffrono e allora si tenta l’azzardo. E l’azzardo e’ come un miracolo: si spera che possa moltiplicare le proprie modeste sostanze. Io chiedo e ho chiesto di puntare sull’informazione del giocatore sulla reale possibilita’ che ha di vincere, tante volte le pubblicita’ sono illusorie. La realta’ e’ diversa: chi gioca, sul tagliando o slot machine, dev’essere informato sulla reale possibilita’ di vincere”. Lo ha sottolineato il ministro per la Cooperazione Internazionale e l’integrazione Andrea Riccardi che ha spiegato: “Non vogliamo creare uno Stato etico che comanda i cittadini su come si devono comportare e dice loro di non giocare, noi dobbiamo stabilire delle regole che proteggano i piu’ deboli, che informino gli italiani sui rischi e sulle possibilita’ all’interno del gioco. Poi l’italiano decide da solo. L’adulto ha la sua liberta’ e puo’ decidere dell’uso delle sue risorse. Non c’e’ intento persecutorio verso il gioco. Fa parte di tutte le civilta’, ma c’e’ la volonta’ di proteggere le fasce deboli e rendere consapevoli i giocatori dei rischi”. Sulla bozza di decreto salute, Riccardi ha ricordato di aver ”lavorato con Balduzzi da inizio del nostro Governo, abbiamo subito focalizzato questo problema del gioco. Non fosse per le segnalazioni che abbiamo ricevuto e le ulteriori dopo le nostre denunce. Io credo che l’impianto del decreto sanita’ a cui il mio ministero ha dato collaborazione e sostegno sia preciso, un impianto che aiuta a uscire dalla falsa pubblicita’ illusoria e dalla prossimita’ delle macchine da gioco alle scuole, cose molto pericolosa”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito