Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Padova. Bitonci replica alle critiche : “Già contestate sanzioni per 12.300 euro per inosservanza norme slot”

In: Apparecchi Intrattenimento, Politica

24 gennaio 2015 - 16:58


COMUNE-PADOVA--

(Jamma) A Padova la guerra tra le imprese che operano nell’offerta di servizi per le slot e videolotterie si trasforma in contrasto tra il sindaco e Federcontribuenti. A seguito della critica dell’associazione alle iniziative del sindaco in quanto poco efficaci, ecco pronto la risposta del Comune . 

Il Comune riporta in una nota il bilancio dei controlli effettuati da quando l’ordinanza che regolamenta l’utilizzo di slot machine è entrata in vigore nel mese di novembre 2014. “Fino al 20 gennaio 2015, i controlli da parte della polizia locale, anche affiancata dalle forze dell’ordine, sono stati 115, in 87 esercizi, quali quelli siti in via Vigonovese, alla Mandria, a Mortise, all’Arcella, alla Guizza, Pontevigodarzere, Voltabarozzo, Stazione, Stanga, Ponte di Brenta. Le sanzioni elevate sono state 64, per un totale di 12.300 euro”.

IL CASO DEL BINGO. “Nello specifico – prosegue il comunicato – il locale Bingo di via Tiziano Aspetti risulta aver subito il maggior numero di controlli (6) e di sanzioni (10), per un totale di 2.000 euro. Per la mancanza del rispetto delle norme previste dall’ordinanza la stessa sala è stata inoltre chiusa per tre giorni a partire dal 31 dicembre scorso. Il pronunciamento del Tar sospende l’ordinanza esclusivamente per gli otto bar ricorrenti trattandosi di un provvedimento inaudita altera pars: qualsiasi altra allusione da parte di qualsivoglia associazione è giuridicamente priva di fondamento”.

SAIA. “Le donne e gli uomini della polizia locale in questi due mesi non hanno mai abbassato la guardia – ha sottolineato l’assessore alla Sicurezza Maurizio Saia – invitiamo, come sempre, i cittadini a collaborare, segnalando tempestivamente eventuali infrazioni. Purtroppo le conferenze stampa servono a poco – affonda l’assessore contro Federcontribuenti – ho l’impressione che alcune associazioni le organizzino per farsi pubblicità, più che per risolvere problemi”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito