Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Lotteria nazionale. Al Parlamento proposta nuove lotterie. Il Mef: “Crescente disaffezione del pubblico”

In: Lotterie, Politica

5 aprile 2012 - 09:49


lotteria_italia

Irlanda privatizza la lotteria, tra i candidati anche Lottomatica

 

(Jamma) Entro il 4 maggio la VI Commissione Finanze dovrà esprimere il proprio parere per l’individuazione delle manifestazioni da abbinare alle lotterie nazionali da effettuare nell’anno 2012. Nella seduta di ieri alla Camera il viceministro dell’Economia e delle Finanze fa sapere che con lettera in data 29 marzo 2012 ha trasmesso, ai sensi dell’articolo 1 della legge 4 agosto 1955, n. 722, e successive modificazioni, la richiesta di parere parlamentare sullo schema di decreto ministeriale per l’individuazione delle manifestazioni da abbinare alle lotterie nazionali da effettuare nell’anno 2012 (458). Tale richiesta è assegnata, ai sensi del comma 4 dell’articolo 143 del regolamento, alla VI Commissione (Finanze), che dovrà esprimere il prescritto parere entro il 4 maggio 2012. chiesta di parere parlamentare sullo schema di decreto ministeriale per l’individuazione delle manifestazioni da abbinare alle lotterie nazionali da effettuare nell’anno 2012 (458).

“Negli ultimi anni – si legge nel testo – l’Amministrazione ha proposto la riduzione del numero delle loterie ad estrazione differita proprio per la crescente disaffezione del pubblico nei confronti di tale prodotto di gioco”.

Per l’Amministrazione le ragioni di tale trend negativo sono da ricercare: “nell’incremento esponenziale delle offerte di gioco; nell’apporto degli enti organizzatori di eventi abbinati che non è quasi mai significativo in quanto si è perso il senso tradizionale dell’abbinamento e la richiesta è finalizzata unicamente ad ottenere un contributo economico”.

Per l’anno 2011 è stata condivisa la scelta di indire la sola lotteria Italia. Si sintetizzino le motivazioni che hanno supportato la scelta dello scorso anno, e cioè:

1. conoslidata disaffezione dei giocatori nei confronti del prodotto;

2. assenza di utili significativi per l’erario;

3. sostanziale mancanza di ritorno economico per gli enti organizzari motivazioni che, peraltro, sono da estendere anche alle scelte del 2012″.

“Conseguentemente – conclude il testo – proprio per tentare di rilanciare un prodotto che, nonostante tutto si ritiene, possa presentare anchora delle potenzialità di ripresa, si rende necessario, anche per l’anno 2012 confermare la selta “forte” del 2011, prevedendo un’unica lotteria, la “Lotteria Italia”, svincolata, come di consueto, da qualsivoglia evento o progetto e collegata con trasmissioni televisive e/o radiofoniche.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito