Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Le associazione di gioco sollecitano la Commissione Europea ad essere più incisiva contro l’illegale

In: Politica

29 gennaio 2013 - 08:07


barnier12
Cina. Nel 2012 le vendite della Lotteria nazionale segnano un +20% ma è allarme dipendenza

 

(Jamma) La lotta contro il gioco d’azzardo illegale deve essere la priorità. E’ quanto chiedono gli operatori di lotterie, casinò e scommesse sportive riuniti nelle associazioni European Lotteries (EL), European Casino Association (ECA) e l’ associazione delle scommesse Pari Mutuel Association (EPMA). Le tre rappresentanze hanno sottoscritto una lettera congiunta nella quale esprimono la loro opinione circa le azioni che la Commissione intende avviare in materia di tutela dei consumatori e pubblicità del gioco d’azzardo. I rispettivi presidenti delle tre associazioni, Friedrich Stickler, Ron Goudsmit e Philippe Germond, nella lettera inviata il 23 gennaio scorso al Commissario per il mercato interno Michel Barnier, esprimono una forte preoccupazione in materia di lotta contro il gioco d’azzardo illegale a cui si riferisce la Commissione nella comunicazione sul piano d’azione in materia di gioco online adottato il 23 ottobre 2012 scorso.

“L’elaborazione e l’individuazione di un insieme di principi comuni allo scopo di tutelare i consumatori, ovvero l’obiettivo dichiarato e annunciato dalla Commissione, è certamente un obiettivo lodevole”, scrivono i presidenti. Ciò nonostante esprimono forte scetticismo circa la loro attuazione. La Commissione infatti ha detto di voler sradicare la proliferazione di offerta illegale attraverso lo sviluppo di un’offerta autorizzata, in quanto ritiene che questa sia la migliore barriera. E’ invece come prendersela contro l’obiettivo sbagliato, fanno sapere gli operatori, visto che le disposizioni si applicherebbero solo agli operatori legittimi. “La diffusa disponibilità di gioco d’azzardo illegale, contro quella regolamentata degli operatori autorizzati che rientra nella competenza esclusiva dello Stato membro (che dispongono cioè di un diritto di licenza esclusivo), è un problema transfrontaliero, che richiede quindi una risposta forte, decisa e comune a livello di Unione europea”. “La lotta contro l’offerta di gioco illegale” è una priorità condivisa da parte degli Stati membri e dai membri delle nostre associazioni ed è un problema che non può essere risolto senza aiuto”. Le associazioni chiedono quindi alla Commissione di agire, per evitare che “il processo” parta “con il piede sbagliato”: ponendo l’accento sul rafforzamento dei mezzi per la lotta contro il gioco d’azzardo illegale, senza i quali “ la Commissione Europea fallirà il suo obiettivo di tutelare i consumatori”.

Uno dei modi più efficaci per ottenere questo sarebbe “vietare qualsiasi comunicazione commerciale di offerte di gioco d’azzardo illegale, indipendentemente dal mezzo, in particolare la pubblicità televisiva da parte di operatori illegali attraverso i canali televisivi diffusi via satellite”. Un’altra misura proposta dalle associazioni è “la redazione di un elenco dei siti degli operatori di gioco autorizzati (white list) e dei siti illegali (black list), e il blocco all’accesso a siti non autorizzati e dei flussi finanziari relativi alle attività di gioco d’azzardo illegale”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito