Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Governo. Lauro (PdL): Tra Monti e Tremonti, sul gioco d’azzardo, non esiste alcuna soluzione di continuità

In: Politica

25 febbraio 2012 - 11:08


senato_palazzo

(Jamma) “La stessa disgraziata ed irresponsabile politica espansiva. Presto una mozione e manifestazioni pubbliche di protesta.” “Tranne una norma sulle operazioni sotto copertura, nelle sale giochi, peraltro con un fondo disponibile di soli 100.000 euro, del tutto irrisorio e di pura facciata, il governo non ha inteso inserire, nel decreto fisco, norme più articolate a tutela dei minori, dei ludopatici, per il divieto assoluto della pubblicità e per la trasparenza antimafia delle società concessionarie. Anche il forte richiamo, sul gioco d’azzardo, del Cardinal Bagnasco e l’invito del presidente dell’Antimafia Pisanu, al ministro della Giustizia Severino, sono caduti nel vuoto. Non esiste soluzione di continuità, nella disgraziata ed irresponsabile politica espansiva del mercato dei giochi, tra Monti e Tremonti, nel silenzio prezzolato di quasi tutti gli organi di informazione. Chiederò ai senatori di sottoscrivere una mozione che impegni il governo a varare un provvedimento di urgenza ad hoc. Poi non resterà che ricorrere a manifestazioni pubbliche di protesta e alla mobilitazione popolare contro il gioco d’azzardo.” Così il sen. Raffaele Lauro del Pdl, membro dell’antimafia, ha commentato i contenuti del decreto sul fisco del Governo Monti.

Lauro conferma di fatto le indiscrezioni riportate da Jamma circa le perplessità del Governo sulle norme relative alla certificazione antimafia introdotte nella prima bozza del testo.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito