Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Giochi. L’Aula della Camera rimanda discussione mozione su regolamentazione giochi a premi

In: Politica

6 aprile 2012 - 10:24


senatoaula

(Jamma) L’Aula di Montecitorio ha accolto la richiesta presentata dal presidente del gruppo Futuro e Libertà per il Terzo Polo che aveva chiesto il differimento della discussione della mozione presentata dall’onorevole Benedetto Della Vedova su “iniziative per la regolamentazione dei giochi a premi”, prevista nell’Aula di Montecitorio a partire da mercoledì 11 aprile, “in considerazione del concomitante esame in sede referente della proposta di legge in materia di contrasto al fenomeno delle ludopatie”.

“Il gioco patologico è stato definito dall’Istituto superiore di sanità come una ‘dipendenza senza sostanze’. Un fenomeno che ha assunto in alcuni casi le dimensioni di una vera emergenza sociale e che è accompagnato da una pubblicità diffusa e un’illusione di guadagno facile, come denunciato dall’Unione Nazionale Consumatori”.E’ quanto sostiene il Gruppo di Futuro e Libertà alla Camera nel presentare la mozione nella quale si chiede una regolamentazione più stringente per il mercato dei giochi. Il capogruppo di Fli alla Camera, Benedetto Della Vedova, i deputati Flavia Perina, Enzo Raisi, Aldo Di Biagio e il segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, avv. Massimiliano Dona, hanno spiegato i contenuti della mozione nel corso di una conferenza stampa che si è svolta l’8 marzo scorso alla Camera dei Deputati.

“Disciplinare l’esercizio del gioco pubblico in modo tale che agli utenti siano rese note in forma comprensibile e sulla base di un’analisi certificata da organismi pubblici o privati, indipendenti dai concessionari, le reali possibilità di vincita per ciascuna giocata, a seconda della sua tipologia” nonché adottare “le opportune misure anche di natura normativa perché sia vietata la pubblicità commerciale delle attività legate ai giochi, scommesse, lotterie e concorsi a premi”. Sono gli obiettivi della mozione parlamentare . “Pur consapevoli che esiste un canale legale del gioco – ha spiegato il capogruppo di Fli alla Camera Benedetto Della Vedova – crediamo siano necessarie iniziative finalizzate a non incentivare il gioco, crea re una maggiore consapevolezza dei rischi nei giocatori, limitare i rischi”.

 

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito