Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Garavini, De Sena e Veltroni presentano il primo pdl organico sul gioco in Italia ( video)

In: Politica

19 marzo 2012 - 10:17


laura_Garavini

Veltroni (Pd) : “Intervenire con urgenza anche per tutelare entrate dello Stato”

Zingaretti (Pd) : “Sostengo proposta di Veltroni”

(Jamma) E’ stata presentata oggi presso la sala stampa della Camera dei Deputati la prima proposta di legge organica sul tema del gioco in Italia. La proposta, che raccoglie anche il lavoro fatto dal gruppo PD

al Senato, vuole impedire che nelle società concessionarie ed in quelle che gestiscono materialmente i vari giochi ci possano essere e perdurare presenze legate alle mafie; disciplinare in maniera più restrittiva e selettiva i luoghi ed i gestori delle sale gioco; inserire la ludopatia tra le malattie per le quali è previsto l’intervento della sanità pubblica in tutte le regioni; consentire ai sindaci di vietare l’apertura di sale gioco in luoghi sensibili; vietare la pubblicità dell’azzardo ed impedire realmente l’accesso al gioco da parte dei minorenni. Il ddl, che nei suoi 14 articoli affronta numerosi aspetti del gioco d’azzardo, è stato illustrato da Laura Garavini, capogruppo del Pd in Commissione Antimafia, e Luigi De Sena, vicepresidente della Commissione. Tra i punti principali affrontati dal ddl, ha spiegato Garavini, vi sono “il divieto totale di pubblicità, l’introduzione di ausili tecnici per indurre i minori a fare meno uso del gioco, come l’obbligo dell’uso della tessera sanitaria per le slot, la tracciabilità dei denari derivati dalle vincite al gioco, l’introduzione di requisiti più stringenti per i concessionari”. Per quanto riguarda la ludopatia, il ddl ne introduce il riconoscimento come malattia sociale, prevedendone l’inserimento nei Livelli essenziali di assistenza; i costi per la cura sarebbero finanziati attraverso il prelievo dello 0,1% della remunerazione degli operatori del settore e tramite le maggiori entrate derivanti dalla riscossione delle sanzioni pecuniarie per l’inosservanza di obblighi introdotti dalla stessa proposta di legge del Pd. Viene poi introdotto il divieto di pubblicità ingannevole per il gioco e l’istituzione, presso il Ministero della Salute, di un osservatorio nazionale sulle dipendenze da gioco d’azzardo. Per quanto riguarda l’antiriciclaggio, viene prevista l’apertura di conti bancari e postali esclusivamente dedicati per concorsi pronostici e scommesse a carico degli esercenti, dove far confluire i flussi di denaro derivanti da queste attività; inoltre viene abbassata (da 2.000 a 1.000 euro per le case da gioco e da 1.000 a 500 per i giochi on line) la soglia oltre la quale scatta l’obbligo per gli operatori di identificare i clienti. Il ddl dispone inoltre l’introduzione di un registro di scommesse e concorsi pronostici, dove annotare giornalmente gli importi della raccolta delle giocate e delle vincite. Per quanto riguarda i requisiti per i concessionari, è stabilito il divieto di partecipazione alle gare per una serie di soggetti condannati per reati di criminalità organizzata o concernenti il riciclaggio di denaro; sono introdotte inoltre sanzioni penali per omessa dichiarazione ed evasione tributaria anche per gli operatori esercenti attività di gioco, ed elevate quelle, attualmente molto basse, per tutte le ipotesi di esercizio abusivo.

GUARDA IL VIDEO

 



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi