Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Evitare di restituire ai concessionari le somme anticipate con il Preu e destinarli ad altre finalità

In: Apparecchi Intrattenimento, Politica

29 maggio 2012 - 09:59


barbatojamma

(Jamma) Nella seduta di ieri alla Camera gli onorevoli dell’Idv Francesco Barbato e Ignazio Messina hanno presentato una risoluzione con la quale impegnano il Governo a modificare  l’articolo 39, comma 13, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, e successive modificazioni, al fine di evitare di restituire ai concessionari dei giochi le somme anticipate ai fini del pagamento del Preu unificando le aliquote per il computo del prelievo unico erariale per lo meno al 12,60 per cento e destinando le maggiori entrate ad altre finalità.

Di seguito il testo della risoluzione

 

La VI Commissione,

premesso che:

in seguito al decreto direttoriale dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) del 12 marzo 2012, l’erario dovrà rimborsare circa 130 milioni di euro ai concessionari dei giochi in seguito ad anticipi d’imposta sul fatturato dei giochi calcolati con l’aliquota del 12,60 per cento;

infatti, l’articolo 30-bis, comma 1, del decreto legge 29 novembre 2008 n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009 n. 2, ha disposto che:

« a decorrere dal 1o gennaio 2009, il prelievo erariale unico di cui all’articolo 39, comma 13, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, e successive modificazioni, è determinato, in capo ai singoli soggetti passivi d’imposta, applicando le seguenti aliquote per scaglioni di raccolta delle somme giocate:

a) 12,6 per cento, fino a concorrenza di una raccolta pari a quella dell’anno 2008;

b) 11,6 per cento, sull’incremento della raccolta, rispetto a quella del 2008, pari ad un importo non superiore al 15 per cento della raccolta del 2008;

c) 10,6 per cento, sull’incremento della raccolta, rispetto a quella del 2008, pari ad un importo compreso tra il 15 per cento e il 40 per cento della raccolta del 2008;

d) 9 per cento, sull’incremento della raccolta, rispetto a quella del 2008, pari ad un importo compreso tra il 40 per cento e il 65 per cento della raccolta del 2008;

e) 8 per cento, sull’incremento della raccolta, rispetto a quella del 2008, pari ad un importo superiore al 65 per cento della raccolta del 2008 »;

l’articolo 30-bis, comma 2, del decreto legge 29 novembre 2008 n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009 n. 2, che ha disposto che « fermo quanto disposto dall’articolo 39, comma 13-bis, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, e successive modificazioni, e dai relativi decreti direttoriali di applicazione, gli importi dei versamenti periodici del prelievo erariale unico dovuti dai soggetti passivi di imposta in relazione ai singoli periodi contabili sono calcolati assumendo un’aliquota pari al 98 per cento di quella massima prevista dal comma 1, lettera a), del presente articolo »;  

la raccolta conseguita nell’anno 2011 nel settore degli apparecchi da gioco con vincita in denaro di cui all’articolo 110, comma 6a), del Tulps base alle comunicazioni acquisite dai concessionari per il tramite del partner tecnologico Sogei è di euro 29.729.195.804,33 (euro ventinovemiliardi settecentoventinovemilioni centonovantacinquemila ottocentoquattro/33);

sull’incremento della raccolta rilevata per l’anno 2011 (euro 29.729.195.804,33) rispetto a quella per l’anno 2008 (euro 21.465.761.265,97), pari ad euro 8.253.434.538,36, sono applicati gli scaglioni di cui al citato decreto-legge 29 novembre 2008 n. 185;

ferma restando l’aliquota del 12,60 per cento sulla parte di raccolta fino all’ammontare rilevato nel 2008, calcolando i diversi importi su cui applicare le percentuali relative ai singoli scaglioni si ottiene un importo complessivo pari a 3.612.808.622,48 euro, con un aliquota pari complessivamente al 12,1524 per cento;

si riesce con difficoltà a recuperare coperture finanziarie per i provvedimenti a favore dei lavoratori cosiddetti « esodati » e per gli interventi a favore delle popolazioni in difficoltà in seguito al terremoto che ha colpito la regione Emilia-Romagna, impegna il Governo:

ad assumere iniziative normative per modificare l’articolo 39, comma 13, del decreto- legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, e successive modificazioni, al fine di evitare di restituire ai concessionari dei giochi le somme anticipate ai fini del pagamento del Preu unificando le aliquote per il computo del prelievo unico erariale per lo meno al 12,60 per cento e destinando le maggiori entrate alle finalità citate in premessa.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito