Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Dl Stabilità. Oggi il voto di fiducia ma sul gioco è bagarre

In: Politica

20 dicembre 2012 - 09:05


senato-voto
Dl Stabilità. Lauro: “Se il ministro Balduzzi ha il coraggio venga in Senato a far espungere le misure che rallentano la lotta al gioco patologico”

 

Alessandro Vedani (LNP): Nel settore giochi manca un approccio che dia effettività ed incisività alle manovre

 

Legnini (PD): “Sull’apertura delle sale da gioco non c’è niente nella legge di Stabilità: zero”

 

(Jamma) E’ previsto per oggi, nell’Aula del Senato, il voto di fiducia sulla legge di stabilità, posta dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Piero Giarda, a nome del Governo, sul maxiemendamento che riprende il testo approvato dalla commissione Bilancio. Le votazioni sono previste per le 11.30. Tra i principali provvedimenti approvati figurano l’aumento del prelievo sulle VLT al 5% a partire dal 1° gennaio e la proroga al 30 giugno dell’emanazione del decreot interdirigenziale anti-ludopatia e delle norme sulla pubblicità previste dal decreto Balduzzi. 

Nessun rinvio, invece, per il bando di gara per le 1000 concessioni per il poker live, questione sulla quale molti senatori sono intervenuti nel corso del dibattito in Aula. “Su questa materia (quella cioè dell’apertura delle sale da gioco) non c’è niente nella legge di stabilità”, ha specificato il relatore Giovanni Legnini (Pd). “Il Governo aveva infatti chiesto una proroga di sei mesi per predisporre il bando, i relatori avevano aderito a tale richiesta, ma il senatore Pichetto Fratin ha presentato un subemendamento in senso contrario” che è stato approvato.

“Ancora una volta i senatori del PDL si sono schierati a favore del gioco d’azzardo. Hanno prima boicottato le norme che imponevano concessionarie più pulite ed oggi impongono 1000 nuove sale da poker. Hanno approfittato dell’urgenza di varare il decreto stabilità per fare l’ennesimo favore alla lobby delle concessionarie del gioco. Ancora un provvedimento che sottrarrà soldi al bilancio delle famiglie per farli finire sui tavoli da gioco. Il PD ha presentato una proposta di legge che va in senso contrario e la riproporremo all’inizio della nuova legislatura”. Lo afferma Laura Garavini, capogruppo Pd nella commissione Antimafia, dopo l’approvazione in commissione Bilancio del Senato di un subemendamento alla ddl di Stabilità presentato del Pdl sulle nuove sale da poker.

 

”Se, come dicono i Relatori alla legge di stabilità, non sono vere le voci che dicono di nuovi permessi per la apertura di sale per il gioco d’azzardo, resta ancora da chiarire come mai governo non sia intervenuto per un aumento di tassazione sul gioco d’azzardo, che come Anci avevamo richiesto e che, viste la nuove aperture comunque previste da norme precedenti, avrebbe consentito ai comuni di diminuire il peso e l’entità dei tagli finanziari. Sarebbe stato utile perlomeno scoraggiare queste attività, aumentando il prelievo fiscale. Ma la lobby dei giochi evidentemente è molto efficiente”. Lo afferma il presidente dell’Anci, Graziano Delrio.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito