Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Direttiva Eu sui contratti di concessione: la Commissione IMCO approva con esclusione gioco d’azzardo

In: Mercato, Politica

9 settembre 2013 - 16:44


commissioneeuro

(Jamma) Approvata con 26 voti favorevoli, 2 contrari e 1 astensione, la Commissione Mercato interno e protezione dei consumatori si è così espressa sul testo della direttiva relativa all’aggiudicazione dei contratti di concessione, come concordato tra il Consiglio e il Parlamento durante i negoziati che si sono svolti in questi ultimi mesi. Il relatore Philippe Juvine ha affermato che l’esito finale rappresenta un accordo politico globale, che va a colmare le posizioni inizialmente divergenti tra il Consiglio e il Parlamento, e ha espresso la sua soddisfazione per l’istituzione di un’ampia legislazione UE in materia di concessioni. Egli ha inoltre spiegato che tale legislazione costituisce il primo passo verso la costruzione del diritto europeo solido, che dovrebbe garantire la sicurezza giuridica e consolidare le lezioni apprese dalla giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea.
Ricordiamo che la direttiva proposta nel 2011 aveva l’intenzione di ridurre l’incertezza che grava sull’aggiudicazione dei contratti di concessione regolati dai principi generali del TFUE e giungere all’adozione di uno strumento giuridico di disciplina distinto rispetto a quello vigente per gli appalti pubblici. Il Comitato Economico e Sociale europeo nel parere presentato in merito alla proposta di Direttiva aveva successivamente sollevato dubbi circa la necessità di una direttiva UE relativa all’aggiudicazione di appalti di concessione evidenziando che una proposta di atto legislativo relativo alle concessioni di servizi sarebbe stata giustificata solo nell’ottica di rimediare ad eventuali distorsioni del mercato interno e che non era mai stata individuata alcuna distorsione di tale ordine. La Commissione Imco ha oggi però deciso per l’approvazione del testo recependo la giurisprudenza della CGUE per quanto riguarda l’esclusione della Direttiva al settore dei giochi d’azzardo.

La Direttiva sarà ora sottoposta a votazione in Plenaria.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito