Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Ddl Stabilità e Bilancio, al via lavori al Senato. Granaiola (PD) “Evitare il ricorso al proibizionismo e riformulare norme su monitoraggio giocatori”

In: Politica

10 dicembre 2014 - 11:12


palazzomadama

(Jamma) “Per quanto riguarda le entrate tributarie, nel 2015 queste diminuiscono di 13.654 milioni le imposte sul patrimonio e sul reddito (–5,2 per cento), a fronte dell’aumento di 6.516 milioni delle tasse e imposte sugli affari (+5,2 per cento), di 158 milioni le imposte sulla produzione, consumi e dogane (+0,4 per cento), di 70 milioni il gettito dai prodotti di monopolio (+0,7 per cento) e di 273 milioni il settore lotto, lotterie e giochi (+2,5 per cento)”. E’ quanto esposto ieri in commissione  Finanze dal sen. Rossi (PD), relatore del ddl Stabilità il cui esame è stato avviato, congiuntamente al ddl Bilancio. Dopo Rossi, ha preso la parola il senatore Zeller (Aut) relatore sulla Tabella n. 2 e sulle parti connesse del disegno di legge di stabilità che ha specificato anche come “all’Agenzia del demanio sono destinati 95,8 milioni, all’Agenzia delle dogane e dei monopoli 931 milioni, alla Scuola superiore dell’economia e delle finanze sono riferiti due capitoli: uno relativo alle spese di funzionamento, con una dotazione di 2,3 milioni,e uno relativo alle spese di natura obbligatoria con una dotazione di 9,8 milioni”.
“Vorrei manifestare apprezzamento per lo specifico stanziamento previsto in tema di attività di prevenzione e riabilitazione delle ludopatie, pur osservando che occorrerebbe evitare il ricorso a forme di proibizionismo, e formulare in maniera più chiara il testo nella parte relativa alle attività di controllo a mezzo di nuovi strumenti informatici”. Lo ha detto ieri in commissione Sanità la sen. Granaiola (PD) nel corso del dibattito generale sulla legge di Stabilità e di Bilancio.
“Le risorse aggiuntive stimate dalle misure di contrasto dell’evasione fiscale hanno carattere aleatorio e pertanto non possono essere correttamente considerate una copertura per spese certe, mentre carattere ugualmente aleatorio hanno i risultati prospettati in conseguenza degli interventi in materia di giochi; ulteriori elementi di incertezza sono riconducibili alle ipotesi di entrate per mezzo dell’azione di recupero affidata ai comuni, mentre in riferimento alla definizione dei territori a regime fiscale privilegiato critica la scelta  di privilegiare l’elemento dell’apertura allo scambio di informazioni”. E’ quanto rilevato il sen. Vacciano (M5S) nel corso della discussione generale della Legge di Stabilità in commissione Finanze al Senato.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito