Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Daniele Galli (Fli): ‘Su tutti i giochi apporre avvertenze sui rischi come per le sigarette’

In: Politica

13 marzo 2012 - 13:00


(Jamma) Questa mattina l’onorevole di Futuro e Libertà per il terzo polo Daniele Galli ha presentato un odg del giorno con il quale impegna il Governo a predisporre l’intervento di informazione puntuale rispetto ai rischi connessi al gioco d’azzardo e a tutte le conseguenze dirette ed indirette causate da tale attività e a porre in evidenza su tutte le forme di gioco apposite avvertenza mutuate dalla legislazione sul fumo.

“Premesso che – spiega l’onorevole – in Italia il gioco d’azzardo ha un fatturato stimato, quello legale, di circa 76,1 miliardi di euro annui, cui vanno aggiunti altri 10 miliardi che transitano su circuiti non proprio trasparenti e secondo la Relazione annuale al Parlamento 2011 il gambling patologico riguarderebbe l’1 per cento della popolazione generale italiana mentre si aggirerebbe intorno al 5 per cento la percentuale di popolazione a rischio di sviluppo della patologia;

l’incidenza del gioco d’azzardo però appare ancora più elevata tra i giovani e gli studenti dove le percentuali si alzano al 10 per cento e al 5 per cento le forme patologiche;
le conseguenze di tale fenomeno sul piano sanitario e sociale vanno ad interagire con problemi di alcolismo per il 73 per cento dei casi, tabagismo per il 60 per cento e provocano ansia (41 per cento), depressione (50 per cento) e disturbi della personalità (61 per cento). Tutte le ricerche, inoltre, dimostrano che la maggior quantità di giochi a disposizione, sia come numero che in termini di possibilità di accesso temporale, è direttamente proporzionale ad un aumento del numero di popolazione che perde il controllo del gioco e che diviene giocatore problematico o patologico;

il gioco d’azzardo patologico è considerato come una vera e propria forma di «dipendenza senza droga» e l’allarme sociale sulle problematiche legate al gioco d’azzardo riflette la diffusa percezione della crescente gravità del problema. La massiccia invasione di poker-machines, l’enorme crescita dell’offerta di possibilità legali di scommettere (lotto e super-enalotto, «gratta e vinci», scommesse sull’ippica, centri scommesse della Snai) alimenta le speranze illusorie di molti, e sappiamo che il secondo tempo della speranza spesso si chiama delusione. Ma, allo stesso tempo, è evidente l’impensabilità di intervenire sulle problematiche legate al gioco d’azzardo attraverso un’ottica proibizionista, (l’idea di proibire tout court molte forme di gioco oltre a risultare estremamente impopolare priverebbe lo stato di ingenti risorse economiche, visto che le entrate per il gioco del lotto ed affini costituiscono una vera e propria forma di tassazione parallela);
sono state annunciate da parte del Governo azioni di informazione sui rischi derivanti dal gioco d’azzardo, e tali iniziative sono contenute nella proposta di legge a firma Daniele Galli (A.C. 5002),

impegna il Governo

a predisporre l’intervento di informazione puntuale rispetto ai rischi connessi al gioco d’azzardo e a tutte le conseguenze dirette ed indirette causate da tale attività e a porre in evidenza su tutte le forme di gioco apposite avvertenza mutuate dalla legislazione sul fumo.



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi