Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Dal Gruppo Misto una mozione per un gioco d’azzardo più trasparente

In: Politica

4 aprile 2012 - 10:38


(Jamma) E’ stata presentata ieri alla Camera dei Deputati una mozione firmata dal Gruppo misto nella quale si chiede al governo di disciplinare il gioco d’azzardo, ridefinendo le procedure d’autorizzazione, assicurare la massima trasparenza delle vincite e delle perdite, nonché limitare i messaggi pubblicitari.

“Una ricerca condotta dall’istituto di fisiologia clinica del Cnr – ha spiegato l’on. Pugliese, che insieme agli onorevoli Misiti, Fallica, Grimaldi e altri ha presentato la mozione – ha rivelato che quattro italiani su dieci «giocano d’azzardo», ossia circa 17 milioni di italiani, di cui 1 milione e 720 mila sono giocatori a rischio e ben 708.225 sono giocatori adulti patologici;
la ludopatia è una «dipendenza senza sostanze», come è stata definita dall’Istituto superiore di sanità, che può divenire un’autentica malattia sociale se non affrontata idoneamente con mezzi di informazione e prevenzione; il gioco è diffuso in particolare fra le fasce più deboli della popolazione: giovani, disoccupati, famiglie povere e anziani soli, e si sta espandendo in maniera allarmante fra i minorenni, secondo i dati un adolescente su dieci gioca d’azzardo;
il gioco d’azzardo costituisce «la terza impresa» italiana, preceduta solo da Eni ed Enel, l’unica con un bilancio sempre in attivo in un paese in crisi come l’Italia”.

“Il fatturato legale del gioco d’azzardo – ha continuato Pugliese – è stimato in 76,1 miliardi di euro – conferendo all’Italia il primo posto in Europa e il terzo posto nel mondo tra i paesi che giocano di più – a cui si dovrebbero aggiungere i proventi illegali stimati in circa 10 milioni di euro; sono, infatti, quarantuno i clan che gestiscono i cosiddetti giochi delle mafie, divenuti un canale privilegiato per il riciclaggio di profitti illeciti; nell’ultimo anno dieci procure della Repubblica direzioni distrettuali antimafia hanno effettuato indagini, e sono ventidue le città dove nel 2010 sono state effettuate indagini e operazioni delle forze di polizia in materia di gioco d’azzardo, con arresti e sequestri direttamente riferibili alla criminalità organizzata; risulta necessario un intervento nel settore a livello normativo al fine di rendere più efficace il sistema delle autorizzazioni, dei controlli e delle sanzioni, accompagnato da azioni educative, d’informazione, culturali e formative rivolte in special modo ai più giovani, nonché da interventi di prevenzione e cura delle patologie di dipendenza dal gioco”.

Con queste premesse, il Gruppo Misto vuole impegnare il governo ad assumere iniziative di competenza anche normative per disciplinare il gioco d’azzardo, ridefinendo le procedure d’autorizzazione e assicurando la massima trasparenza in riferimento alle vincite e alle perdite degli utenti dei giocatori d’azzardo; adottare iniziative anche normative volte a limitare i messaggi pubblicitari sul gioco d’azzardo garantendo forme di reale e corretta informazione per il pubblico e promuovendo iniziative di sensibilizzazione ai rischi collegati al gioco d’azzardo attraverso campagne di informazione.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito