Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

La Comm. Affari Sociali indice un’indagine sulle dipendenze da gioco

In: Politica

15 febbraio 2012 - 12:41


(Jamma) La Commissione Affari Sociali, accogliendo la richiesta prewsentata la scorsa settimana dalla capogruppo del PD in commissione Affari sociali della Camera Margherita Miotto, rende noto di aver indetto un’indagine conoscitiva sulle dipendenze da gioco d’azzardo.

La scorsa settimana l’onorevole Miotto affermava: ”Dal 2002, anno in cui il gioco d’azzardo e’ diventato un ‘affare di Stato’ gestito legalmente dei monopoli di Stato e’ stato registrato un incremento spaventoso ed esponenziale delle offerte di gioco in ogni luogo e con ogni modalità. Di pari passo sono aumentati i soldi spesi dagli italiani per giocare: nel 2002 erano 17,32 miliardi di euro, nel 2010 sono diventati 61 miliardi di euro. Questi dati da soli dimostrano che il fenomeno del gioco d’azzardo legale in Italia abbia assunto dimensioni amplissime. L’incremento dei soldi impegnati dalle famiglie nel gioco non ha registrato nessuna diminuzione neanche a fronte della crisi economica”.
”Si e’ così venuta a creare una nuova patologia, la ludopatia come forma di dipendenza dal gioco, che rappresenta un costo sociale elevato. Si stima che i malati da gioco compulsivo siano più di un milione. Dalla relazione della commissione di inchiesta sul fenomeno della mafia emerge anche che la criminalità sta aumentando il controllo sul settore del gioco.

Per tutti questi motivi – conclude l’onorevole Miotto – si rende necessario studiare il fenomeno, attraverso l’audizione di tutti i soggetti interessati, così da avere finalmente un quadro chiaro ed esaustivo della problematica e poter intervenire legislativamente in modo appropriato”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito