Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Cesare Lanza alla Presidente Boldrini sul gioco d’azzardo: “Sa cosa significherebbe vietare il gioco ?”

In: Politica

7 ottobre 2013 - 16:44


Boldrini

 

 

(Jamma) “Gentile Presidente, Carissima Laura Boldrini,mi rivolgo a Lei, mi permetta, con questo approccio confidenziale ed affettuoso, perché non riesco a darmi pace per un grave errore di valutazione, che forse ho commesso quando Lei fu designata a presiedere ai lavori della Camera”. Inizia così la lettera aperta di Cesare Lanza, giornalista e autore televisivo alla presidente della Camera. “Contro il parere di tanti amici e di competenti analisti del mondo politico, salutai la Sua investitura con un’euforia senza se e senza ma, senza filtri e senza riflessioni preventive. Mi entusiasmava il fatto che alla terza carica dello Stato fosse eletta una donna con un curriculum apparentemente trasparante e interessante, un volto nuovo, estraneo agli accordi sottobanco, alle manovre e agli inciuci della vecchia politica politicante. Questo mi bastava.
Oggi, i motivi di perplessità, di fronte alla Sua evidente vocazione ad apparire, sulla base di schemi e di stile politically correct, sono diventati via via numerosi e, mi consenta, a volte anche fastidiosi.
Con il forte e inquietante sospetto che Lei sia estranea alla realtà aspra e crudele del nostro Paese, e affezionata soprattutto, nobilmente, ai Suoi valori, (che peraltro condivido inlinea di principio), e però, purtroppo, incautamente predisposta ad aumentare i nostri guai con esternazioni inopportune, vorrei proporre a Lei e a chi segue le Sue vicende un episodio specifico e significativo: il Suo diktat ostile al cosiddetto “gioco d’azzardo”, espresso ancora venerdì scorso, attraverso un tweet.
Proibire il gioco? Ho l’impressione che Lei non abbia coscienza di quanto afferma.
Cos’è, infatti, il gioco d’azzardo? E perché di dovrebbe proibirlo?
A parte la difesa di un valore per me assoluto, e cioè la libertà, e di conseguenza il netto rifiuto di ogni forma di proibizionismo, mi permetta di sottoporLe elementi semplici di ragionamento.
Il gioco d’azzardo è un’industria, che produce entrate fiscali sicure per lo Stato (nell’ultimo anno, 8miliardi) e centinaia di migliaia di posti d lavoro, a parte i benefici indotti. Prima domanda: Le sembra questo il momento giusto, adatto e opportuno, per tagliare posti di lavoro, ed entrate fiscali per le nostre povere casse?
Lei mi risponderà, secondo la vocazione al politically correct, che prima di ogni altra riflessione deve prevalere l’aspetto etico, morale. E’ giusto, giustissimo. E condivido pienamente.
E tuttavia il problema è un altro, e mi permetto di sottoporglierLo con la seconda domanda: è a conoscenza Lei, Presidente della Camera, che ogni divieto verso il cosiddetto gioco d’azzardo, strutturato legalmente, altro risultato non consegue, salvo quello di lasciare uno spazio infinito al gioco abusivo, dominato e gestito dalle peggiori mafie e camorre esistenti nel nostro paese? Certo Lei, come tutti noi, sostenitori della legalità del gioco non vorrà essere neanche in minima misura responsabile e compartecipe di un immenso, e pericolosissimo, “regalo” all’industria criminale!
Chieda ai suoi collaboratori di verificare quando dove e come i proibizionismi imposti su principi autoritari, sia pure con la passione e il cuore, ma anche estranei alla ragione, abbiano dato frutti positivi ad una società di qualsiasi epoca e di qualsiasi connotato politico. Non si tratta solo di gioco. Quanto al gioco, chieda ai suoi collaboratori di verificare quanto sia diminuita l’influenza della criminalità nel settore del gioco, dal momento (circa una decina d’anni fa) in cui, in Italia, si è perseguita una crescente e convincente regolamentazione, imitata oggi in molti paesi europei.
Spero di non aver urtato i Suoi sentimenti di principio, ai quali mi associo, ma di averLe dato qualche elemento di riflessione per poter indirizzare la Camera verso la più corretta e intelligente legiferazione.

Con un cordiale saluto,

Cesare Lanza

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito