Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Cattaneo (pres. Consiglio Reg. Piemonte) : Apprezzamento per iniziativa Balduzzi su slot. Ora il divieto tassativo su istallazione”

In: Apparecchi Intrattenimento, Newslot, Politica, Videolottery

28 agosto 2012 - 12:54


cattaneo

Stretta sul gioco, Conagga: “Passi avanti, ora interventi su pubblicità”

 

Stretta sul gioco, Federconsumatori:  “Operazione di facciata”

 

Videopoker, il sindaco di Verbania: “Obbligare alla chiusura le sale già esistenti”

 

(Jamma) “Esprimo apprezzamento per l’iniziativa del ministro della Salute Renato Balduzzi, in quanto la lotta alla ludopatia, soprattutto in un momento di crisi come quello attuale, deve essere condotta su tutti i fronti”, dichiara il presidente del Consiglio regionale del Piemonte Valerio Cattaneo.
“E’ stato importante inserire nel decreto legge sulla Sanità una stretta governativa nei confronti di videopoker e slot machine”, aggiunge.
Il presidente dell’Assemblea di Palazzo Lascaris ricorda però come da tempo la Regione Piemonte sia scesa in campo contro il vizio del gioco d’azzardo.
Il 15 dicembre 2010, infatti, alla Camera dei Deputati è stata illustrata la proposta di legge al Parlamento “Illiceità dell’installazione e dell’utilizzo dei sistemi di gioco d’azzardo elettronico nei locali pubblici”, approvata all’unanimità dal Consiglio regionale del Piemonte.
“Riteniamo importante introdurre il divieto tassativo di installazione dei sistemi di gioco d’azzardo elettronico, le cosiddette slot machine, in luoghi pubblici o aperti al pubblico e nei circoli ed associazioni”, sottolinea il presidente Cattaneo.
“Il gioco d’azzardo deve essere praticato solo in luoghi appositamente dedicati, all’interno dei quali una persona sa benissimo che cosa avviene”, conclude il presidente Cattaneo.
Il divieto previsto dalla proposta di legge del Consiglio regionale del Piemonte vuole anche porre rimedio ai gravi effetti che l’assuefazione a queste forme di gioco d’azzardo produce.
Nella nostra regione dal 2005 al 2010 i pazienti affetti da ludopatia grave presi in carico dal sistema sanitario regionale sono passati da 166 a 821 con un incremento di quasi il 500%. A questi si aggiungono altri 863 casi di dipendenza di livello secondario. Per tutto 2012 si prevede che la spesa totale per il gioco salirà in Italia a circa 130 miliardi.
Da tempo il Consiglio regionale del Piemonte è attivo nel contrasto al gioco d’azzardo anche tramite le iniziative promosse dall’Osservatorio regionale sul fenomeno dell’usura.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito