Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Camera. Nessun aumento del Preu, V Commissione boccia emendamenti Decreto ‘Ecobonus’

In: Politica

30 luglio 2013 - 10:10


emendanticamera1
Astro – SGI a colloquio con il consigliere Sciapichetti della Regione Marche

 

(Jamma) Parere contrario della V commissione Bilancio della Camera sugli emendamenti presentati dai deputati di Sel al decreto “Ecobonus” in cui chiedevano di aumentare il prelievo erariale sui giochi al fine di assicurare maggiori entrate.
Gli emendamenti al provvedimento, intitolato “Disposizioni urgenti per il recepimento della direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell’edilizia per la definizione delle procedure d’infrazione avviate dalla Commissione europea, nonché altre disposizioni in materia di coesione sociale”, che prevedevano di reperire risorse dall’incremento del prelievo erariale unico in materia di giochi pubblici al fine di assicurare maggiori entrate sono stati tutti bocciati. Nello specifico parliamo dell’emendamento 16.6 presentato dai deputati di Sel Lacquaniti, Ragosta, Zan, Matarrelli, Paglia, Pellegrino, Ferrara, Lavagno, Zaratti che prevede “Dall’anno 2014, il Ministero dell’economia e delle finanze – Agenzia delle dogane e dei monopoli, con proprio decreto dirigenziale, adottato entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, provvede ad incrementare la misura del prelievo erariale unico in materia di giochi pubblici al fine di assicurare maggiori entrate pari a 20 milioni di euro”.
Parere negativo anche per l’emendamento 16. 13 con il quale Paglia chiedeva che dall’aumento del Preu venissero assicurate maggiori entrate pari a 15 milioni di euro per il 2014, e 50 milioni dal 2015 al 2024.
Ancora pollice verso per l’emendamento 16.12 di Fabio Lavagno, sempre di Sel, che chiedeva un aumento del prelievo per 10 milioni nel 2014 e 30 milioni dal 2015 al 2024.
Infine, bocciato anche l’emendamento 16.24 di Filiberto Zaratti che proponeva che dall’aumento del prelievo si ricavassero 15 milioni a partire dal 2014.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito