Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Autoriciclaggio, sì definitivo al Ddl che prevedeva la possibilità del passaggio del personale tra le sezioni dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

In: Politica

5 dicembre 2014 - 11:22


senato-voto

(Jamma) – Con 119 voti favorevoli, 61 contrari e 12 astenuti, l’Aula del Senato ha dato ieri il via libera definitivo al disegno di legge 1642 sul rientro di capitali detenuti all’estero e l’autoriciclaggio.

 

Il disegno di legge d’iniziativa dei deputati Causi, Bernardo, Sottanelli, Sberna e Gebhard verteva su disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all’estero nonché per il potenziamento della lotta all’evasione fiscale e disposizioni in materia di autoriciclaggio.

 

“Per le esigenze operative connesse allo svolgimento delle attività necessarie all’applicazione della disciplina di cui al comma 1 sull’emersione e sul rientro dei capitali detenuti all’estero, e comunque al fine di potenziare l’azione di prevenzione e contrasto dell’evasione e dell’elusione fiscale, assicurando l’incremento delle entrate tributarie e il miglioramento della qualità dei servizi: a) l’Agenzia delle entrate, in aggiunta alle assunzioni già autorizzate o consentite dalla normativa vigente, può procedere, per gli anni 2014, 2015 e 2016, all’assunzione a tempo indeterminato di funzionari di terza area funzionale, fascia retributiva F1, e di assistenti di seconda area funzionale, fascia retributiva F3, assicurando la priorità agli idonei che sono inseriti in graduatorie finali ancora vigenti a seguito di concorsi per assunzioni a tempo indeterminato, nel limite di un contingente corrispondente a una spesa non superiore a 4,5 milioni di euro per l’anno 2014, a 24 milioni di euro per l’anno 2015, a 41,5 milioni di euro per l’anno 2016 e a 55 milioni di euro a decorrere dall’anno 2017; b) la disposizione di cui all’articolo 1, comma 346, lettera e), della legge 24 dicembre 2007, n. 244, continua ad applicarsi, nei limiti delle risorse disponibili a legislazione vigente, e può essere utilizzata anche per il passaggio del personale tra le sezioni del ruolo del personale non dirigenziale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli. L’Agenzia delle dogane e dei monopoli definisce i criteri per il passaggio del personale da una sezione all’altra, in ragione del progressivo completamento dei processi di riorganizzazione connessi all’incorporazione di cui all’articolo 23-quater del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, e successive modificazioni. Ai dipendenti che transitano presso la sezione «dogane» si applica esclusivamente il trattamento giuridico ed economico previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale già appartenente all’Agenzia delle dogane. Ai dipendenti che transitano dalla sezione «ASSI» alla sezione «monopoli» si applica esclusivamente il trattamento giuridico ed economico previsto per il personale già appartenente all’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito