Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Assemblea soci Calabria, Curcio (Sapar): “Stiamo lavorando per garantire la filiera nella prossima stabilità”

In: Associazioni, Politica

30 ottobre 2015 - 13:45


CurcioEnada

(Jamma) – Iniquità e incostituzionalità. Ancora una volta la legge di stabilità 2015 e quella appena presentata per il prossimo anno sono state al centro del dibattito dell’assemblea dei soci della Calabria.

 

L’incontro, al quale hanno partecipato il presidente della delegazione Calabria Natale Ciliberti, il presidente nazionale Raffaele Curcio, il presidente della Sapar Service srl Paolo Dalla Pria ed il segretario nazionale Corrado Luca Bianca, ha visto una massiccia partecipazione dei soci, i quali hanno instaurato un dibattito molto partecipato con i relatori, a testimoniare la volontà di essere protagonisti attivi della vita associativa.

 

Il presidente Ciliberti ha illustrato i punti all’ordine del giorno, dando poi subito la parola al presidente Curcio che ha affrontato la questione dei ricorsi: “Per quanto riguarda il ricorso al Tar avverso la legge di stabilità, il percorso sta proseguendo con la richiesta da parte dei nostri legali di entrare nel merito del giudizio, che dovrebbe arrivare per la fine di novembre. Se il Tar dovesse esprimere un giudizio negativo, allora ci rivolgeremo al Consiglio di Stato, ed in ultima istanza alla Corte Europea.

 

Per quanto riguarda invece i ricorsi art. 700, voglio ribadire che non abbiamo perso nulla, solamente i giudici hanno ritenuto che non sussisteva il carattere dell’urgenza. Attendiamo ora che si entri nel merito e poi discuteremo degli eventuali esiti. L’associazione è molto attiva anche sul fronte degli incontri con i rappresentanti del governo, per instaurare un dialogo che possa essere costruttivo ed efficace in vista dell’approvazione della prossima legge di Stabilità, che così come presentata rischia di cancellare definitivamente le aziende di gestione. Mi auguro vivamente che la nostra classe politica possa finalmente comprendere che o si vietano tutte le offerte di gioco, con le conseguenti problematiche derivanti dal proibizionismo, o lo si regolamenta in maniera organica ed imparziale, tutelando in primis minori e giocatori e poi il gettito erariale, che ben può essere investito anche per fare informazione, prevenzione e educazione.

 

Ma è soprattutto necessario garantire tutte le componenti della filiera, che ben si sappia non si ferma al Concessionario/Lobby, ma a tutte quelle aziende e locali pubblici sparsi sul territorio e che al territorio ridistribuiscono parte dei loro ricavi tutelando l’occupazione”. Il presidente di delegazione Cilberti ha infine ceduto la parola al Presidente Paolo Dalla Pria il quale ha illustrato le funzioni della società, di cosa si occupa, da chi è composto il consiglio d’amministrazione e cosa si ripromette di fare nel prossimo futuro: servizi, assistenza legale/commerciali, convenzioni. Inoltre Dalla Pria ha spiegato “la volontà da parte della Service di organizzare al più presto una riunione d’impresa, al fine di creare una rete di gestori uniti sotto l’ombrello della Service, sempre mantenendo ognuno la propria identità”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito