Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Accorpamento Aams. Gli emendamenti nel Decreto dismissioni

In: Politica

26 luglio 2012 - 09:47


emendanticamera1

(Jamma) Sono numerosi gli emendamenti presentati in Aula al decreto dismissioni per quanto riguarda la parte che dispone l’accorpamento tra AAMS e Agenzia delle Dogane. Il testo inizia domani il suo passaggio in Aula e il via libera di palazzo Madama è previsto entro il 28.

Nel dettaglio, il senatore leghista Massimo Garavaglia ripropone alcuni emendamenti già presentati in Commissione, come quello che chiede la soppressione della creazione di due posti di vicedirettore presso l’Agenzia delle Dogane e dei monopoli di cui uno per le funzioni riconducibili ad AAMS; Garavaglia chiede inoltre che “le risorse finanziarie disponibili, a qualsiasi titolo, sui bilanci degli enti incorporati, sono riassegnate nella misura del 30 per cento al Fondo Ammortamento per i titoli di Stato, nella misura del 70 per cento, a far data dall’anno contabile 2013, alle Agenzie incorporanti. Il senatore leghista propone poi che venga soppressa l’assegnazione delle residue posizioni dirigenziali di ASSI all’Agenzia delle dogane e dei monopoli; che dall’attuazione delle incorporazioni debbano conseguire risparmi non inferiori ai 5 milioni di euro e che il 50% dei risparmi siano destinati al censimento e accatastamento degli immobili non dichiarati al catasto. I senatori di Coesione Nazionale Fleres e Poli Bortone propongono che a partire dal 2013 l’Agenzia delle dogane venga soppressa e unificata all’Agenzia delle entrate. Le Commissioni riunite Bilancio e Finanze hanno riproposto l’emendamento per cui l’accorpamento tra agenzie slitta al 1° dicembre 2012 ed entro il 31 ottobre il ministro dell’Economia trasmette una relazione al Parlamento sulla riorganizzazione dell’amministrazione finanziaria: a questo emendamento, il senatore dell’Idv Elio Lannutti propone la seguente modifica: “entro il 31 ottobre 2012, sentite le organizzazioni sindacali rappresentative del comparto, il Ministro dell’economia e delle finanze trasmette, per il parere delle commissioni parlamentari competenti, una relazione sugli indirizzi strategici e il riordino, nonché sulla valorizzazione delle professionalità e sull’unificazione del trattamento economico del personale delle nuove agenzie da costituire».

Commenta su Facebook


Realizzazione sito