Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Accorpamento AAMS – Dogane una contraddizione. Turco: ‘Monti, quali provvedimenti intende adottare per eliminare tale contraddizione’

In: Cronache, Politica

27 giugno 2012 - 10:18


maurizio_turco

(Jamma) L’accorpamento dell’AAMS alle dogane “è una contraddizione”, “I Monopoli di Stato – dichiarano gli onorevoli Maurizio Turco, Beltrandi, Bernardini, Farina Coscioni, Mecacci e Zamparutti nulla hanno in comune con le dogane, se non l’accisa sui tabacchi ma nulla per quel che riguarda i giochi. Per tale ragione hanno presentato al Ministro dell’economia e delle finanze, al Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione un’interrogazione a risposta scritta con la quale chiedono di sapere quali provvedimenti intendano adottare al fine di eliminare le contraddizioni prodottesi.

Di seguito il testo dell’interrogazione

“il decreto-legge n. 16 del 2012 convertito dalla legge n. 44 del 2012 introduce all’articolo 8, comma 24, una norma in forza della quale vengono fatti salvi gli incarichi dirigenziali conferiti nelle agenzie fiscali – nonostante le sentenze di annullamento del Tar Lazio – vengono autorizzate le procedure concorsuali per i posti vacanti e nelle more delle procedure concorsuali le medesime agenzie fiscali possono – previa selezione – continuare a conferire incarichi dirigenziali. A distanza di 40 giorni si parla di soppressione dell’Agenzia del territorio e dei Monopoli di Stato con decreto e di riduzione degli organici dirigenziali del 20 per cento e del 10 per cento per gli altri dipendenti;

allo stato il Governo vanificando gli effetti di una disciplina appena approvata crea grande confusione negli uffici finanziari e grande amarezza negli addetti ai lavori che con grande impegno ciascuno per la propria parte di competenza contribuisce nella lotta all’evasione fiscale.

Invero viene da chiedersi se fosse proprio la soppressione dell’Agenzia del territorio e dei Monopoli di Stato la prima e più necessaria sforbiciata da dare alla spesa pubblica, o se non vi fossero altri enti ed apparati da assoggettare a più urgente cura dimagrante;

la fusione dell’Agenzia del territorio con quella delle entrate significherebbe che i tanti problemi già esistenti in entrambe le strutture si sommerebbero, creandone di più complessi;

l’attività dell’Agenzia del territorio ha una caratteristica di peculiarità che la distingue dalle altre Agenzie fiscali ed è quella di combattere l’evasione agendo direttamente sul territorio ed infatti nell’attualità grazie all’impegno ed alla professionalità degli addetti sono emerse entità immobiliari sconosciute al fisco che saranno recuperate a tassazione;

i Monopoli di Stato nulla hanno in comune con le dogane, se non l’accisa sui tabacchi ma nulla per quel che riguarda i giochi;

le fusioni creerebbero un connubio di rivalità che renderebbero ingestibili i delicati servizi da amministrare;

i risparmi si possono ottenere eliminando il dilagare degli incarichi di posizioni dirigenziali applicando il decreto del Presidente della Repubblica n. 266 del 1987 articolo 20 confermato da autorevole giurisprudenza che consente la reggenza dell’ufficio al più elevato in grado senza corresponsione di retribuzione dirigenziale –:

quali provvedimenti intendano adottare i Ministri al fine di eliminare le contraddizioni prodottesi”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito