Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Accorpamento AAMS-Dogane. Polillo: “Attenzione al settore dell’on line”

In: Politica

19 luglio 2012 - 09:22


polillo

(Jamma) Nel corso dell’esame del decreto legge sulla razionalizzazione dell’Amministrazione economico-finanziaria che si sta svolgendo un questi giorni alla Camera dei Deputati, di fronte alla perplessità del Parlamento sulla proposta di riorganizzazione delle agenzie fiscali espresse ieri dal presidente Mario Baldassarri, il sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo ha fornito alcune precisazioni in merito alle scelte strategiche che il Governo ha ritenuto di dover assumere in ordine al riassetto delle agenzie fiscali e ha dato parere contrario all’emendamento Flores.

Nella giornata di ieri, le commissioni della Camera hanno infine dato il via libera al decreto che approderà in Aula la prossima settimana e accorpato al decreto sullo spending review.

“In primo luogo, – ha dichiarato – si è preferito anticipare il processo di riorganizzazione del Ministero dell’economia e delle finanze e delle stesse agenzie fiscali, rispetto alla diversa scansione temporale prevista dal decreto-legge n. 95 del 2012, sulla revisione della spesa per le amministrazioni pubbliche in generale, per poter superare i prevedibili atteggiamenti di chiusura e di resistenza da parte delle strutture interessate. Il Governo ha così avviato un percorso di riassetto dell’organizzazione amministrativa, che si è poi progressivamente ampliato, estendendosi a tutti i settori delle amministrazioni statali. Trattandosi di un progetto ambizioso quanto necessario, è consapevole del rischio che esso non sia pienamente condiviso e apprezzato, anche rispetto ad altre possibili opzioni di riforma. Tuttavia giudica fondamentale precisare che il disegno di riordino concernente le agenzie fiscali nasce da una profonda riflessione e da un percorso logico-razionale, ritenendo quindi infondata l’accusa che lo considera invece come il frutto di una serie di scelte casuali e affrettate.

Per quanto riguarda il riassetto concernente le agenzie contemplate nell’articolo 3, – ha continuato – esso si ispira a una logica unitaria e all’obiettivo di unificare la gestione della politica fiscale. Reputo pienamente motivata anche la scelta di prevedere l’incorporazione dei Monopoli di Stato all’interno dell’agenzia delle dogane, solo che si ponga la dovuta attenzione al fatto che  i suoi uffici periferici operano presso zone di confine. Il settore dei giochi on line presenta attualmente il grado di maggiore espansione ed è connotato da un profilo spiccatamente internazionale, dal momento che le società che gestiscono i siti interessati sono in larghissima parte straniere”.

Polillo ha poi espresso parere contrario all’emendamento del senatore Fleres, che recava una proposta di riorganizzazione delle agenzie fiscali incentrata sull’accorpamento, da un lato, dell’Agenzia del demanio e di quella del territorio e, dall’altro, dell’Agenzia delle entrate con quella delle dogane. L’emendamento, posto ai voti, è stato respinto anche dalle Commissioni.

 

Commenta su Facebook


Realizzazione sito