Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Abruzzo. Dall’Udc un progetto di legge regionale per limitare il gioco d’azzardo

In: Apparecchi Intrattenimento, Cronache, Politica

20 aprile 2012 - 10:02


antonio_menna

Holzmann (Pdl): “Vietare le slot machine su tutto il territorio nazionale”

 

Il candidato sindaco di Genova lancia la lotteria elettorale: premio 500 euro

 

Sestri Levante. Una mozione per disciplinare le sale da gioco e gli apparecchi da intrattenimento

 

(Jamma) Il consigliere regionale Udc Antonio Menna ha presentato una proposta di legge regionale per contenere il dilagante fenomeno del gioco d’azzardo che negli ultimi anni ha assunto le forme di vera e propria piaga sociale. “La situazione diventa sempre più grave – ha esordito Menna – e pertanto, ho sentito l’obbligo morale di intervenire concretamente. Ho riflettuto sulle notizie diramate dall’Organizzazione mondiale della sanità che ha annoverato questa grave dipendenza tra i disturbi psichici del controllo degli impulsi”. “Chi gioca d’azzardo – continua Menna – sempre più spesso non riesce a controllare la propria volontà e quando le perdite diventano importanti, i giocatori accaniti mettono in pericolo la propria esistenza e quella dei familiari mentre il quadro delle conseguenze assume via via toni di assoluta gravità”.
“Si tratta, dunque, di situazioni assai complesse che richiedono interventi seri e risolutivi sulla base di regole umane e giuridiche di grande respiro – aggiunge il consigliere regionale Menna. “Per queste motivazioni auspico che il progetto di legge regionale che ho presentato sia oggetto di una solerte e fattiva valutazione al fine di dotare la nostra Regione di uno strumento operativo idoneo per contrastare, limitare e sopprimere la diffusione del gioco d’azzardo incontrollato, cui sono corresponsabili i committenti delle campagne pubblicitarie che negli ultimi anni hanno invaso i media”.
“Le statistiche relative allo sviluppo del gioco sono impressionanti – ragguaglia Antonio Menna. “Il giro d’affari complessivo nel 2011 ha registrato un incremento del 30% rispetto al 2010, raggiungendo la cifra di 80 miliardi di euro: un traguardo sconcertante”. “Una normativa regionale, quindi, e’ auspicabile, anche in considerazione della competenza che la Costituzione riconosce alle Regioni, in materia di tutela della salute e conseguentemente di prevenzione delle patologie”.

“La proposta di legge si compone di 9 articoli. L’articolo 1 indica la finalità della legge, che detta disposizioni per promuovere un accesso consapevole, misurato e responsabile al gioco lecito per prevenire l’insorgere di fenomeni di dipendenza, salvaguardando le fasce di popolazione più deboli e maggiormente vulnerabili. L’articolo 2 definisce la collocazione delle sale giochi, vietandone anche l’apertura in alcuni casi. L’articolo 3 vieta qualsiasi attività pubblicitaria relativa all’apertura o all’esercizio di sale giochi. L’articolo 4 individua gli obblighi dei gestori per evidenziare i rischi connessi al gioco. L’articolo 5, detta norme per promuovere iniziative di formazione per il personale operante nelle sale giochi, finalizzate alla prevenzione degli eccessi del gioco patologico. L’articolo 6 definisce i termini per attuare campagne di formazione e sensibilizzazione, indirizzate ai giovani ed alle fasce sociali più svantaggiate. L’articolo 7 prevede il sostegno dell’Amministrazione regionale all’attività delle associazioni e delle organizzazioni di volontariato impegnate nella presa in carico delle problematiche correlate al gioco. L’articolo 8 prevede specifiche sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione delle disposizioni previste dalla presente legge. L’articolo 9, infine, riporta disposizioni finanziarie”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito