Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Torneo di poker illegale. Denunciati in 106

In: Poker

15 gennaio 2013 - 11:02


poker-11
Anche il Comune di Morbegno firma il manifesto ‘no slot’
Serpelloni (DPA): “Al via il progetto GAP-Gioco d’azzardo patologico”

 

 

(Jamma) Partecipano ad un torneo Texas Hold’em, la Polizia di Salerno denuncia 106 persone per giochi vietati. E’ stato un venerdì sera da dimenticare quello appena passato per chi ha la passione del poker all’americana. A far saltare il banco questa volta c’ha pensato il personale della divisione della Polizia Amministrativa di Salerno, diretta dal Primo Dirigente, la dottoressa Maria Curto, e quello della Squadra Mobile, guidato dal vice questore aggiunto, Claudio De Salvo della Questura di Salerno.

Gli agenti hanno effettuato un controllo all’interno di un bar-sala giochi, ubicato in prossimità della zona industriale di Salerno, dove, già da alcuni giorni, era stato segnalato lo svolgimento abituale di illecite attività di gioco con un numero considerevole di partecipanti.

All’atto del controllo, avvenuto nella tarda serata di venerdì, effettivamente i poliziotti hanno verificato, all’interno di un accogliente ed ampio locale, funzionalmente adibito a sala gioco e munito di sofisticati apparecchi per la videosorveglianza, la presenza di oltre 100 persone distribuite su 15 tavoli serviti da relativi croupier, intente a giocare con carte di tipo francese. Gli avventori utilizzavano fiches per effettuare le puntate nel corso delle varie fasi del gioco del poker, in modalità Texas Hold’em. La tipologia di gioco attualmente risulta vietata in quanto ricompresa nella tabella dei giochi proibiti dall’Autorità di Pubblica Sicurezza per motivi di pubblico interesse. Pertanto si è proceduto ad inoltrare denuncia all’Autorità Giudiziaria nei confronti del titolare della sala giochi e dell’organizzatore dell’evento per esercizio di gioco vietato, ai sensi dell’articolo 723 Codice Penale. Tutti i 106 partecipanti al torneo, in larga parte provenienti dalle vicine province, sono stati segnalati all’Autorità giudiziaria per partecipazione al gioco vietato. Tra di loro figurano anche noti professionisti della città capoluogo e dell’intero comprensorio salernitano. Carte e fiches, utilizzate per il gioco, nonché le somme di denaro corrisposte per partecipare al gioco sono state sottoposte dagli agenti guidati dalla Curto e da De Salvo a sequestro penale. Al momento ono in corso ulteriori accertamenti in quanto dalle informazioni acquisite, emergerebbe che in tali tornei verrebbero corrisposti premi in denaro o altri oggetti di valore, fattispecie che potrebbe determinare il configurarsi del gioco d’azzardo.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito