Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Collesano (PA) il sindaco Meli : ‘I provvedimenti del dl Balduzzi insufficienti, rivedere l’attuale normativa in materia di gioco’

In: Cronache, Personaggi

4 ottobre 2012 - 09:26


slotm
Consegnata al presidente Fini la petizione popolare contro il gioco d’azzardo

(Jamma) Con una lettera indirizzata al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute e al Prefetto di Palermo, il sindaco di Collesano, comune nella provincia di Palermo, denunzia allarmato il dilagare del fenomeno del gioco d’azzardo. Nella missiva il primo cittadino Giovanni Battista Meli evidenzia quello che è diventato già da tempo un gravissimo problema sociale soprattutto nelle città di dimensione medio – grande e che rischia di diventarlo anche nei piccoli centri, come Collesano, dove si assiste ad una inesorabile e progressiva diffusione di una vera e propria dipendenza che ha portato, in tantissimi casi, alla rovina di interi nuclei familiari. “Molti sono, infatti, – sottolinea Meli – i casi non ufficialmente conosciuti di persone che non riescono a uscire dal vortice del gioco. La vera dimensione del fenomeno è ampia e sommersa e le Istituzioni non possono far finta di non sapere o di non capire”.

I provvedimenti del ministro Balduzzi possono essere considerati, sicuramente, un giro di vite: slot mai più a meno di 500 metri da scuole, chiese, ospedali, luoghi di ritrovo per giovani ma assolutamente insufficienti se si vuole davvero debellare il fenomeno. “Ben venga l’iniziativa del ministro della Salute – aggiunge; la lotta alla dipendenza dal gioco “d’azzardo”, soprattutto in un momento di crisi come questo, deve essere condotta su tutti i fronti perché è una bomba sociale, una piaga che continua ad aumentare. Il nostro Paese l’Italia, in un momento molto difficile, avrebbe probabilmente bisogno di stimoli e segnali diversi: creatività, fantasia, laboriosità, sacrificio, coraggio e rischio non legato al distruttivo gioco di azzardo ma alla voglia creativa di far impresa, unica vera prospettiva di crescita e di sviluppo”. Il sindaco Giovanni Battista Meli fa presente alle autorità in indirizzo che la sua amministrazione comunale, così come molte altre in Italia, ritiene necessario introdurre il divieto tassativo di installazione dei sistemi di gioco d’azzardo elettronico. In aumento sono infatti le famiglie praticamente distrutte che chiedono al Comune un sostegno economico per poter far fronte alle spese necessarie del vivere quotidiano. “Salvo, poi, scoprire – conclude il sindaco Meli nella sua nota – che il momentaneo stato di difficoltà è causato dalla dipendenza da gioco. Per quanto sopra, si chiede alle competenti Istituzioni in indirizzo grande impegno affinché l’attuale normativa che legalizza le attività del gioco d’azzardo possa essere profondamente rivista”.



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi