Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Gaming mobile, alle donne piacciono le slot

In: Mobile

13 agosto 2014 - 15:12


mobile-woman
(Jamma) I videogiochi su smartphone hanno consentito alle più svariate tipologie di pubblico di avvicinarsi al mondo del gaming, e le donne (certo, non le hardcore gamers, che non ne avevano bisogno) rientrano in questa categoria.

Ma che abitudini hanno queste giocatrici? Alcuni studi, condotti dalla società di mobile advertising Flurry, stanno dimostrando che, quando si tratta di intrattenimento digitale, le donne hanno consuetudini e pratiche d’uso diverse rispetto agli uomini.
In media, spendono più tempo e soldi in applicazioni per cellulari. Esaminando i giochi con più di un milione di utenti, Flurry ha scoperto che le donne fanno il 31% di transazioni in-app in più rispetto agli uomini. E dedicano il 35% di tempo in più ai giochi.
Inoltre, le donne tendono a scegliere un gioco portandolo avanti con maggior costanza e dedizione: le giocatrici infatti sono il 42% più propense degli uomini a continuare il gioco anche sette giorni dopo la sua installazione.
Altre differenze? Le donne sono particolarmente attratte da applicazioni gestionali e di simulazione, ma anche da giochi come solitario e slot; mentre gli uomini preferiscono altri generi, come giochi di carte e strategia. Ecco quindi spiegata la crescente popolarità di giochi come Candy Crush Saga e il recentemente rilasciato Kim Kardashian: Hollywood, in cui dobbiamo creare la nostra aspirante celebrità e renderla il più ricca e famosa possibile.
C’è da dire poi che l’intrattenimento videoludico rappresenta il 32% del tempo che le persone trascorrono sui dispositivi mobili, ed è evidente che molti brands e marchi famosi e meno famosi cerchino di raggiungere gli utenti proprio inserendo annunci all’interno di questi giochi.
“Mentre il fatto che le donne investano più tempo in applicazioni è stato raramente contestato, il fatto che esse spendano più dei maschi in acquisti in-app si è rivelato una sorpresa per noi“ ha confessato l’analista di Flurry Simon Khalaf. “L‘ampliamento della base mobile gaming potrebbe non essere gradito agli hardcore gamer di sesso maschile, ma può portare buone notizie per gli inserzionisti che cercano di raggiungere un nuovo pubblico e che stanno spostando miliardi di dollari in pubblicità per la piattaforma mobile con la speranza di raggiungere e catturare le donne che sono incollate a smartphone e tablet 24/24h.”
Female vs Male Gamers Time_hires_v1
Commenta su Facebook


Realizzazione sito