Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Gaming online. Nel 2011 redditi per 24,6 miliardi. Il 44% solo in Europa

In: Cash games, Online

6 marzo 2012 - 14:13


graph_1_2012

 (Jamma) Nel 2011 i ricavi relativi al settore del gaming online in Europa hanno registrato un incremento del 3,4% raggiungendo complessivamente la cifra di 24,6 miliardi di euro. Si tratta del dato elaborato dalla società H2 Gambling Capital che ha analizzato i singoli mercati e tenuto conto dei tassi di cambio. Tra le offerte che hanno raggiunto le migliori performance il Bingo e i giochi tipo lotterie, con un incremento a doppia cifra. Il reddito lordo ( ovvero raccolta di gioco meno le vincite) del poker online ha prima registrato una crescita e poi un decremento del 18,6%, a causa del ben noto Venerdì nero . Il prodotto scommesse al momento rappresenta il 43% del valore del mercato gioco d’azzardo interattivo e ha registrato una crescita di poco inferiore al 5% (anche se nel 2011 ci sono stati i Mondiali di Calcio) , mentre la crescita dei giochi casinò style è stata del 8%. .

Globalmente il gioco d’azzardo interattivo rappresenta l’ 8,6% del valore totale del gioco d’azzardo a livello mondiale . Un valore di poco inferiore al 9,1% del 2010 e un ritorno al livello del 2009. Forti progressi in diversi mercati terrestri, come Macao e Singapore, e l’introduzione di nuovi prodotti, come ad esempio le VLT in Italia, rappresentano l’altro lato della medaglia rispetto al crollo registrato dopo il Venerdì nero.

 

L’Europa continua a rappresentare la quota maggiore del mercato mondiale interattivo con il 44% del valore complessivo. Andando avanti la quota europea dovrebbe stabilizzarsi o addirittura diminuire , in controtendenza rispetto ai mercati in crescita di Asia e America Latina. Nel corso del 2011 il 14,4% dei ricavi lordi del settore gioco d’azzardo europeo sono stati generati attraverso i canali interattivi.

 

Nel 2011 poco meno del 38% del mercato globale di gioco interattivo è rappresentato da operatori che sono stati autorizzati nella stessa giurisdizione dei loro giocatori. La maggior parte di questa attività continua ad essere rappresentata dalla Japanese Racing Association, anche se andando avanti la percentuale è destinata a crescere a poco più del 47% entro il 2015 e ad oltre il 50% quando il poker via internet diventerà una realtà significativa negli Stati Uniti.



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi