Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Casinò di Venezia. Sindacati in sciopero contro la gestione del gioco online

In: Casinò, Online

20 agosto 2012 - 10:03


casinòvenezia2

Crisi case da gioco.  Continua lo scontro tra Ugl Terziario e Federgioco

 

(Jamma) Nuovi scioperi all’orizzonte per il casinò di Venezia. Dopo la primavera di burrasca (con due settimane di sciopero e incassi in flessione del 20%) e qualche mese estivo di tregua, i sindacati (ad eccezione della Uil) hanno ora proclamato lo stato di agitazione, con il blocco degli straordinari, a partire da oggi per un mese. Rischia così di saltare la notte bianca del 25 agosto per il compleanno di Ca’ Noghera. A far scattare i sindacati, la decisione del cda di assegnare il nuovo business del gioco online alla Meeting&Dining, società che si occupa di ristorazione, controllata dalla nuova Cmv Gioco per il quale il Casinò cerca gestori privati. I sindacati parlano di «colpo di mano ferragostano, senza che il Consiglio comunale ne fosse a conoscenza», di «un’operazione sbagliata che apre una profonda confusione di ruoli fra le due aziende interessate che, benché una sia controllata dell’altra, hanno diversi core business». In ballo, il rischio che i dipendenti del Casinò siano tagliati fuori dal nuovo business del gioco online e, al contempo, che si tenti di mutuare a tutto il personale il contratto a 8 ore dei dipendenti della società di ristorazione. «Abbiamo dato ampia disponibilità a trovare le soluzioni ottimali per poter svolgere l’attività gioco online efficientemente, con personale già specializzato e senza gravare sui costi aziendali», insistono i sindacati, «affidandolo a una Società diversa la quella di Gioco, si aprirebbero scenari concorrenziali preoccupanti. Inoltre, gli utili prodotti con il gioco online dalla M&D andranno al Comune di Venezia? Così si impoverisce il possibile sviluppo di quest’attività, che si dovrà confrontare con veri e propri colossi del settore: la vera chance concorrenziale è il gioco “online dal vero”, con i giocatori/clienti che possono giocare al tavolo in diretta e solo nei 4 Casinò autorizzati». «Lunedì c’è l’incontro con i sindacati e vedremo come stanno le cose», commenta l’amministratore delegato Vittorio Ravà, «il primo ottobre “nasce” la nuova società Casinò di Venezia Gioco, è una data fondamentale: il gioco online è un business diverso dai giochi tradizionali, ha una licenza diversa e per questo l’abbiamo assegnato alla M&D, comunque controllata da Cmv Gioco».

Commenta su Facebook


Realizzazione sito