Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Spagna, in crisi il mercato del gioco online. In un anno perdite per 72,5 milioni di euro

In: Mercato, Online

25 settembre 2013 - 13:10


Online-Gambling34

(Jamma) Il mercato del gioco ” online” spagnolo ha registrato una perdita di 72,5 milioni di euro tra giugno 2012 e giugno 2013, principalmente a causa della elevata pressione fiscale applicata agli operatori . Questa è una delle principali conclusioni del ” Rapporto sulla tassazione del gioco online”, lo studio redatto dall’ Associazione Spagnola di Gioco Digitale ( Jdigital ) e Deloitte .

Secondo i dati forniti dalla Direzione generale del gioco ( DGOJ ) tra giugno 2012 e giugno 2013, gli importi giocati in diverse modalità di gioco ” online” ammontano a 5.400 milioni di euro . Di questi , 5.166.000 € sono stati distribuiti in premi , il che significa che il reddito netto o GGR (giocate meno premi ) è pari a 234 milioni di euro.

Anche se la differenza tra i scommesse e premi assegnati nel corso di questo periodo è positivo, è necessario considerare che  a tale importo vanno detratte varie tasse applicate alle attività economiche svolte dagli operatori , tra cui l’imposta sulle attività ( IAJ ) , la tassa amministrativa di gestione per il gioco e il reddito fiscale ( IS) .

Un settore rappresentato da più di 50 aziende in Spagna

Dal giugno del 2012 , quando è stata rilasciata la prima licenza, l’industria del gioco “online” è rappresentata da più di 50 aziende in Spagna , i cui investimenti in mezzi di comunicazione e attività di promozione sono ammontati a € 125.000.000 .

Il “Rapporto sulla tassazione del gioco online” fa un confronto tra la tassazione spagnola e le altre evidenziando che nei paesi con tassazione più elevata ( Francia e Spagna) la sostenibilità degli operatori è messa a forte rischio . In quelle zone con minore pressione fiscale ( Regno Unito , Danimarca e Italia ) il surplus derivante da una riduzione del carico fiscale porta ad una maggiore liquidità nel settore che consente , a sua volta , un incremento dei premi assegnati e di investimento degli operatori e garantisce condizioni che consentono la sostenibilità del settore nel corso del tempo .

 

 

Le misure proposte dagli operatori

Al fine di trovare una soluzione per mitigare questa situazione negativa , Jdigital ha fatto una serie di proposte che potrebbero impedire la scomparsa o la “fuga ” degli operatori dalla Spagna a causa della mancanza di competitività , come è successo in Francia .

In linea generale ,chiede una razionalizzazione del carico fiscale , uguale ad altri settori , l’uniformità tra fiscalità dello Stato e quella regionale , fissando una imposta del 10% circa , l’attuazione di esenzioni, deduzioni o sconti per incoraggiare gli investimenti in tecnologia (I + D + I / IT) e la creazione di posti di lavoro e , infine , la promozione di strutture di partenariato per contribuire a ridurre l’impatto negativo dell’IVA . Inoltre , in relazione ai giocatori , si richiede di introdurre misure per compensare le perdite generate dal gioco senza alcuna limitazione.

Come indicato nella relazione , se si attua un simile modello, le perdite subite dal settore nel corso del periodo compreso tra giugno 2012 e giugno 2013 si potrebbe ridurre del 10 % e, inoltre , garantirebbe una corretta entrata fiscale nel breve – medio periodo .

Durante la presentazione di questo rapporto , oggi presso la sede di CEOE a Madrid , Sacha Michaud , presidente di Jdigital , ha detto che uno dei principali obiettivi di questo documento, ” è quello di evitare situazioni simili a quelle che si stanno verificando in Francia , dove una fiscalità sbagliata ha fortemente penalizzato il mercato”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito