Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

SAGSE, uno scenario sulla crisi che attraversa il settore dei giochi in Argentina

In: Fiere, Mercato

12 novembre 2014 - 16:41


SAGSE_article

(Jamma) – SAGSE ha riaperto le sue porte al settore del gioco di tutta l’America Latina, in un anno in cui la sfida era enorme: resiste alla crisi locale. Questa edizione che è iniziata ieri, dopo mezzogiorno, riflette le difficoltà incontrate in Argentina: società internazionali che riducono il loro impegno da un lato, produttori locali e operatori regionali che cercano di affrontare questa situazione dall’altro.

 

L’organizzazione quest’anno ha moltiplicato i suoi sforzi per fornire un evento di prima classe, in cui le imprese locali e internazionali possano incontrare ciò che hanno sempre avuto in SAGSE: uno spazio professionale per entrare in contatto con gli operatori più rappresentativi della regione.

 

Nonostante tutto quest’anno l’assenza di alcune società di livello internazionale è stata notata, così come si è notata la riduzione di spazi espositivi e dei prodotti offerti da parte di altre aziende di spessore. Il tutto ha evidenziato la situazione scomoda che attraversa in questo periodo l’industria in Argentina. Tra le aziende leader presenti nello showroom si è comunque notata la presenza di IGT, Aristocrat e Konami, tra le altre.

 

Gli operatori hanno comunque espresso il loro appoggio incondizionato alla manifestazione e la folla presente tra i corridoi del Costa Salguero Exhibition Center è stata comunque buona. E’ stato osservato, in effetti, che nonostante sembrassero ridotte le presenza espositive e la lista dei nomi delle aziende, la quantità e la qualità dei contatti si sono mantenute sui soliti livelli raggiunti da SAGSE, consentendo di prevedere un futuro promettente e in forte ripresa per l’industria locale.

 

Tra i fattori più importanti presentati ieri, si può citare la SAGSE University con un nuovo ciclo di formazione. A questo si aggiunge un fitto calendario di mini-eventi. “E ‘un anno in cui l’intera industria deve andare avanti, bisogna lavorare insieme per il futuro. Non seminare oggi significa non raccogliere né nel breve né nel medio termine. Il mercato dei giochi è una risorsa importante per un presente e un futuro di successo, e questo si può vedere chiaramente”, ha detto Alan Burak, manager SAGSE,

 

Così SAGSE ha vissuto una intensa prima giornata, dove è emerso che il gioco locale ha ancora un grande potenziale. Allo stesso tempo si è notato che le misure adottate a livello nazionale per limitare le importazioni dei produttori internazionali ha visto questi ultimi vistosamente danneggiati, tanto che in alcuni casi hanno deciso quest’anno di essere presenti in SAGSE in una versione molto più austera, o addirittura di non partecipare. Infine, si è notato il consenso da parte di tutti i partecipanti all’evento (espositori, operatori e regolatori).

Commenta su Facebook


Realizzazione sito