Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Pubblicità sul gioco, 50 milioni imposti dallo Stato ai concessionari: una nuova via per finanziare il Ddl sul gioco patologico?

In: Mercato

17 settembre 2014 - 11:23


soldi

(Jamma) – In Italia, nel 2013, sono stati 105 i milioni di euro investiti direttamente in pubblicità nel settore del gioco. 87 milioni di euro è invece quanto speso in sponsorizzazioni. Questi i dati riportati da Leisure.com, tra i principali istituti di ricerca americani nel campo del gaming.

 

Come risaputo l’investimento in pubblicità nel gioco d’azzardo è anche un obbligo imposto dallo Stato, che affida in concessione alcune tipologie di gioco: una quota parte dell’aggio, infatti, dev’essere destinata alla pubblicità del gioco stesso nelle lotterie istantanee e nel Lotto. I Gratta e Vinci, ad esempio, prevedono l’obbligo per il concessionario di spendere lo 0,5% della raccolta in pubblicità. Nel 2013, secondo i dati forniti dai Monopoli di Stato, la raccolta è stata pari a 7 miliardi, con un conseguente obbligo di investimento in pubblicità di 35 milioni di euro. Per il Lotto, la raccolta è stata pari a 6,3 miliardi. Secondo una serie di calcoli, considerando che l’aggio medio si aggira sul 5%, viene fuori una somma di 300 milioni: di questi almeno il 7% deve essere speso in pubblicità, quindi più di 20 milioni. Tra Lotto e Gratta e Vinci sono stati spesi oltre 50 milioni di pubblicità obbligata, sui 105 milioni di investimenti totali del 2013 (senza dimenticare gli 87 milioni dell’attività di sponsorizzazione). Buona parte dei restanti 55 milioni sono stati invece spesi da GTech (Lottomatica), William Hill, Sisal e Poker Stars. Il canale più impiegato per la diffusione della pubblicità è stato quello televisivo, poi web, quotidiani e periodici, radio e infine una parte nei mezzi outdoor.

 

Sorge quindi spontanea una domanda, cambiare la destinazione di quanto imposto per concessione, non potrebbe fornirebbe la copertura finanziaria per gran parte del Ddl sul gioco patologico (con buona pace di chi auspica un intervento di questo tipo)?

Commenta su Facebook


Realizzazione sito