Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

La popolazione di Macao scende in piazza contro il gioco d’azzardo

In: Cronache, Mercato

2 ottobre 2012 - 11:06


macao protesta
Spagna. Per il 2013 le Lotterie di Stato prevedono una crescita del 23% con un utile di 1.989 milioni di euro

 

Buenos Aires. Divieto anti-tabacco esteso anche alle sale giochi

 

(Jamma) Nella giornata di lunedì primo ottobre, circa 2 mila manifestanti appartenenti a sindacati e federazioni diverse sono scesi in piazza a Macao per una manifestazione di protesta. Gioco d’azzardo, scommesse illegali, mafie molto forti e speculazione edilizia, hanno fatto esplodere una contestazione sociale inedita nell’ex colonia portoghese, nota soprattutto come capitale del gioco d’azzardo tanto da essere conosciuta come la Montecarlo d’Oriente o anche la Las Vegas asiatica.
Frustrata dalla dilagante corruzione la gente chiede agevolazioni per ottenere case popolari e un sussidio governativo di 10 mila patacas (poco meno di mille euro).

La folla si è radunata in tre diversi punti della città intorno all’una del pomeriggio per presentare le sue istanze ai rappresentati del governo di Macao e all’Ufficio per le relazioni con Pechino. La maggior parte dei manifestanti erano persone di una certa età, quasi tutti operai edili e operatori ecologici che si erano organizzati sotto l’ombrello dell’associazione Workers Save Ourselves Union.

 

Legalizzato per la prima volta nel 1847, il giro delle scommesse è da sempre una colonna portante dell’economia del Paese con tutto il substrato di illegalità che si porta appresso. Anche quando nel 1999 Macao è diventata una Regione amministrativa speciale sotto il controllo della comunista Pechino l’amministrazione centrale mise all’asta tre concessioni, che i magnati del gioco statunitensi non persero tempo ad accaparrarsi.

 



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi