Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Gioco online. Romania e Belgio a rischio procedura d’infrazione

In: Mercato, Online

5 ottobre 2012 - 10:27


tajani
Sul divieto ungherese Euromat ricorre alla Commissione europea
Macao. 21,6 mld, le entrate dei casinò nei primi nove mesi dell’anno

 

(Jamma) Quante procedure d’infrazione sono state aperte dalla Commissione europea?

A rispondere alla domanda del popolare Christofer Fjellner e stato oggi il Commissario per l’industria e l’imprenditoria Antonio Tajani (nella foto) che ha confermato che tra il 2009 e il 2010 sono stati emessi dalla Commissione 6 pareri circostanziati nel settore dei giochi d’azzardo.

“I Paesi interessati sono la Francia, il Belgio, la Danimarca, la Polonia e la Romania” ha affermato.

“Due delle notifiche, – ha continuato Tajani – quelle relative alla Francia e alla Polonia sono state ritirate perché la Commissione ha ritenuto soddisfacenti le risposte presentate dalle rispettive giurisdizioni. Soddisfacenti anche le risposte della Danimarca, non lo stesso per il Belgio e le due notifiche della Romania. Ovviamente la Commissione continua il dialogo con le autorità degli Stati membri le cui risposte ai pareri circostanziati sono state ritenute insoddisfacenti e valuterà se sarà necessario avviare una formale procedura d’infrazione relativamente al quadro normativo del gioco d’azzardo online. I progetti notificati sono infatti stati approvati senza tenere nella giusta considerazione i pareri arrivati dalla Commissione e secondo le informazioni di cui siamo in possesso queste misure sono ancora in vigore. Le successive misure di attuazione relative alla notifica sono state effettuate nel quadro della Direttiva 98/34/CE. Ad oggi la Commissione non ha avviato alcun tipo di intervento relativo ai decreti approvati. Tuttavia la CE si riserva il diritto di intraprendere qualsiasi azione, se lo riterrà necessario”.

 

Cristina Doganini

Commenta su Facebook


Realizzazione sito