Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Porto Torres. In Comune si suggerisce di vietare il gioco d’azzardo a chi usufruisce dei Servizi sociali

In: Cronache, Lotto&Lotterie

10 gennaio 2013 - 09:05


gratta_e_vinci

Il sindaco di Rho firma il ‘Manifesto contro le slot machine’

Francia. L’Arjel limita l’offerta di scommesse online su pallamano e pallavolo

(Jamma) A Porto Torres, in Sardegna, l’esponente di Partecipazione popolare Angelo Canu ha presentato una interrogazione urgente al sindaco Scarpa per denunciare il fatto che «molti utenti iscritti ai Servizi sociali utilizzano i sussidi per rincorrere la fortuna attraverso il gioco».

La passione per il gioco, in tempi di crisi economica come questi, si sta trasformando per molti cittadini meno abbienti in una speranza di riuscire ad arrivare a fine mese e, paradossalmente, aumentano le persone che si rivolgono ai giochi d’azzardo.

«Quello che sta avvenendo – aggiunge Canu –, testimoniato da numerose segnalazioni di cittadini, non è giusto. Credo che sarebbe opportuno fare maggiori controlli nel rispetto di tutte quelle persone che, con grande dignità, si rivolgono e usufruiscono dei Servizi sociali perché realmente ne hanno bisogno». Per il consigliere, il gioco d’azzardo sta diventando una malattia e dà dipendenza: «Suggerisco al sindaco che sarebbe necessario far effettuare dei controlli a riguardo, e prendere degli opportuni provvedimenti». Sull’argomento interviene l’assessore ai Servizi sociali, Piera Casula, ricordando che il gioco d’azzardo è in crescita: «Gratta e vinci, slot machine e giochi online, un fenomeno che va monitorato pure a Porto Torres. Il mio settore – aggiunge Casula – anche con il supporto di cittadini, associazioni e forze dell’ordine competenti, che segnalano i casi di cui vengono a conoscenza, continuerà a lavorare per cercare di frenare gli aspetti devianti e le dipendenze derivanti dal gioco d’azzardo. Che sono maggiori soprattutto nei periodi storici caratterizzati dalla crisi economica, come quello che stiamo attraversando».

Commenta su Facebook


Realizzazione sito