Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Polledri (Lega) : “Si ponga fine alla vendita del GrattaeVinci

In: Lotterie

31 ottobre 2012 - 09:20


massimo_polledri
Di Palma (Forza Nuova): “A Roma, un continuo proliferare di sale slot”

 

(Jamma) “Si ponga fine alla vendita dei tagliandi dei gratta & vinci, la quale, oltre ad avere pericolose ricadute in termini di salute mentale, appare anche moralmente discutibile”. E’ la richiesta avanzata dal deputato leghista Massimo Polledri in un’interrogazione rivolta ai ministri dell’Economia e della Salute, in cui si ricorda che “secondo i dati del nuovo rapporto Eurispes le lotterie istantanee registrano una crescita inarrestabile, in particolare il gratta & vinci sfiora il 20 per cento in più rispetto agli anni precedenti. Tali numeri determinano un aumento del rischio di patologie legate all’abuso del gioco d’azzardo, che sfocia appunto in ludopatia la quale comporta una significativa diminuzione della qualità della vita e provoca seri problemi a livello sociale (i ludopatici, per esempio, rendono meno sul lavoro e mettono a rischio i propri patrimoni). Le ludopatie, dal greco «malattie del gioco», sono contrastate anche dal decreto Balduzzi, in quanto rappresentano una forma di dipendenza particolarmente subdola, tanto da essere definite «droghe senza sostanze», le quali impattano pesantemente sul sistema sanitario attraverso le spese mediche per ciascun mutuato per farmaci, cure psichiatriche e terapie”. Polledri aggiunge che “lo stesso gratta & vinci, che è un gioco d’azzardo gestito dalla Lottomatica per conto dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, determina una crescente percentuale di ludopatici. Le notizie della stampa e le denunce presentate ormai da tempo dalle associazioni Federconsumatori e Adusbef segnalano la prassi, a giudizio dell’interrogante vergognosa, di vendere i tagliandi dei gratta & vinci presso gli uffici postali; tale prassi, oltre a nascondere potenziali ripercussioni in termini di organizzazione del lavoro, può determinare rischi di ludopatie tra dipendenti e clienti, soprattutto se anziani, minori o donne”.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito