Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Lotteria Italia: a Veronella il primo premio da 5 milioni di euro. Ecco tutti i biglietti vincenti

In: Lotto&Lotterie

7 gennaio 2016 - 08:47


lotteriaitalia2015

(Jamma) – L’epifania bacia Veronella. Il piccolo paese della bassa veronese si aggiudica il primo premio, da 5 milioni di euro, della Lotteria Italia: il tagliando vincente è G 050111. Il secondo premio da 2 milioni di euro va al tagliando Q 146948 venduto a San Nicola la Strada, in provincia di Caserta; il terzo premio, da 1 milione e mezzo di euro al tagliando E 367077 venduto a Roma. Il quarto premio da 1 milione di euro va al tagliando N 235789 venduto a Varese; il quinto da 500.000 euro al tagliando M 115765 venduto a Como e il sesto premio da 250.000 euro va al tagliando R 451283 venduto a Fabro, in provincia di Terni. I premi di seconda categoria sono 50, ognuno da 50.000 euro, quelli di terza categoria premiano 150 fortunati, ognuno dei quali si porta a casa 25.000 euro. In questa edizione sono stati venduti 8.689.860 biglietti per una raccolta complessiva di 43.449.300 euro. Ai rivenditori, presso i quali sono stati acquistati i biglietti vincenti, è stato riservato un premio complessivo di 104.000 euro. L’elenco dei biglietti vincenti è disponibile al seguente link. I vincitori hanno 180 giorni per riscuotere il premio, presentando il tagliando vincente, integro e in originale, negli sportelli di Banca Intesa Sanpaolo oppure all’Ufficio Premi di Lotterie Nazionali. Il pagamento avviene entro 30 giorni dalla data di presentazione del biglietto.

 

La Lotteria Italia torna a volare. Nell’edizione 2015/2016 sono infatti stati venduti ben 8,7 milioni di biglietti, un incremento in doppia cifra del +13,5% rispetto alla scorsa edizione, quando furono staccati 7,6 milioni di tagliandi. In crescita anche la raccolta, che si attesta a 43,5 milioni di euro. Numeri molto positivi ma ancora lontani dai fasti degli anni ’80 e 90’, quando la vendita era superiore ai 30 milioni di tagliandi. Il record in termini numerici rimane il 1988, quando furono venduti 37,4 milioni di biglietti, mentre al secondo posto di questa speciale classifica si piazza il 1986 con 33,6 milioni seguito dal 1989 con 33 milioni. In luce anche il biennio 1995 e 1996 con 32 milioni di biglietti. Nell’edizione dello scorso anno furono 156 i tagliandi vincenti, tra premi di prima categoria (in numero di sei, tra cui il primo premio da 5 milioni di euro) e quelli di seconda (50 da 50 mila euro) e terza fascia (100 da 25 mila euro). Lo scorso anno fu il Lazio la regione dove furono venduti più biglietti, oltre 1,5 milioni, seguito da Lombardia (1,23 milioni) e da Emilia Romagna (771 mila). Intanto, in attesa dell’estrazione del prossimo 6 gennaio, i giochi televisivi abbinati alla Lotteria Italia e il tagliando gratta e vinci abbinato al biglietto hanno già distribuito premi per 15 milioni di euro. Così come accaduto lo scorso anno, è ancora una volta il Lazio la regione italiana dove sono stati acquistati più biglietti della Lotteria Italia edizione 2015. I tagliandi staccati sono stati 1,7 milioni, numero che rappresenta quasi il 20% sul totale dei biglietti venduti in tutta Italia (poco meno di 8,7 milioni). In altre parole, un biglietto su cinque è stato venduto nel Lazio, che ha così migliorato del 9,3% i risultati conseguiti lo scorso anno (quando furono venduti 1,5 milioni di biglietti). Secondo gradino del podio per la Lombardia, dove i tagliandi staccati sono stati oltre 1,4 milioni, un risultato che consente alla regione di ritagliarsi il 17% di quota mercato a livello nazionale. In termini di crescita percentuale sull’anno precedente, la Lombardia fa addirittura meglio del Lazio, con vendite cresciute del 19,3% rispetto ai 1,2 milioni di biglietti del 2014. Così come lo scorso anno, in terza posizione assoluta si piazza l’Emilia Romagna, con 838 mila tagliandi venduti (e una quota mercato del 9,7%), un incremento dell’8,8% rispetto all’anno precedente. Completano la Top five delle regioni italiane in cui sono stati acquistati più biglietti la Campania, che con 816 mila tagliandi migliora del 18,7% le vendite del 2014, e la Toscana, che cresce del 14,1% attestandosi a 600 mila biglietti. Fuori dalla Top five, ma con più di mezzo milione di tagliandi venduti, spiccano Veneto (558 mila biglietti, +12,9%) e Piemonte (525 mila biglietti, +15,2%). Due curiosità: in un complessivo quadro di crescita – le vendite della Lotteria Italia in questa edizione sono aumentate del 13,5% – una sola regione ha registrato un segno negativo: è il Molise, che ha perso il 16,6% non raggiungendo i 35 mila biglietti. La regione che invece in termini assoluti ha investito di più nella fortuna rispetto allo scorso anno è stato il Trentino Alto Adige, che ha migliorato le vendite di quasi un terzo, sfiorando quasi 100 mila biglietti (+26,8%).

 

Lotteria Italia: quasi un biglietto su due venduto al nord

Il Nord trascina la vendita dei biglietti della Lotteria Italia edizione 2015. Con 3,9 milioni di tagliandi staccati – quasi uno su due – le regioni del nord ottengono una quota mercato del 44,8% sul totale nazionale, pari a 8,7 milioni di tagliandi. Al Centro, trainato dal Lazio – che come lo scorso anno si conferma la regione che più investe nella Lotteria Italia – sono stati venduti 2,9 milioni di biglietti, con una quota percentuale del 33,8% sul totale, mentre il Sud ha superato quota 1,8 milioni di biglietti (21,4%)

 

Lotteria Italia: Roma ancora capitale delle vendite con oltre 1,3 milioni di biglietti, sul podio anche Milano e Napoli. Otto invece le province in rosso, guidate da Oristano
Se otto primi premi della Lotteria Italia, nelle ultime 19 edizioni, sono finiti a Roma un motivo ci sarà. Anche quest’anno la Capitale è la città dove sono stati venduti più tagliandi, oltre 1,3 milioni (unica città italiana a superare quota 1 milione), per una spesa di circa 6,8 milioni di euro. Roma pesa per l’80,5% sulle vendite dell’intero Lazio e vale il 15,7% del mercato della Lotteria Italia a livello nazionale. Non solo. In questa edizione la Capitale ha ulteriormente migliorato il coefficiente di vendite, cresciuto del 9,8%. Milano è la seconda città in cui sono stati più biglietti: quasi 650 mila, in crescita dell’11,3% sul 2014, e una quota sul totale nazionale del 7,5%. In doppia cifra l’incremento percentuale delle vendite della terza città sul podio, Napoli, che supera quota 425 mila biglietti (+13,6% sul 2014). Bologna e Torino, rispettivamente con 290 mila e 278 mila biglietti, completano la top five delle vendite. Sono 20 le province italiane dove in questa edizione sono stati staccati più di 100 mila tagliandi, cinque delle quali appartenenti alla Lombardia: oltre a Milano, Brescia (in settima posizione) con 173 mila biglietti, Bergamo (in sedicesima) con 120 mila, Como (in diciassettesima) con 118 mila e Varese (in ventesima) con 100 mila. In questo quintetto, Como si fregia anche di un primato assoluto a livello nazionale: è l’unica provincia italiana in cui le vendite sono cresciute addirittura a tre cifre, per l’esattezza del +134%, rispetto alla scorsa edizione (118 mila biglietti contro i 50 mila del 2014). Sono otto invece le province che rispetto all’ultima edizione hanno registrato una contrazione nelle vendite: Ascoli Piceno (-0,1%), Grosseto (-2,4%), Forlì (-2,6%), Olbia (-4,6%), Vercelli (-10,1%), Lodi (-15,4%), Campobasso (-21,6%), ma il record in negativo spetta a Oristano, che perde il 33,1% rispetto al 2014, non raggiungendo gli 8 mila tagliandi. E se Roma è la città in cui sono stati venduti più biglietti, quella in cui ne sono stati staccati di meno è Ogliastra, in Sardegna, che nonostante una crescita delle vendite dell’11,5% sull’anno precedente non è andata oltre le 2.500 unità.

 

Lotteria Italia: Roma pigliatutto, dal 1996 otto volte il premio da 5 milioni finito nella Capitale

Lo scorso anno il primo premio da 5 milioni della Lotteria Italia è stato venduto a Roma, confermando la capitale come regina delle vincite, con ben otto premi massimi nelle ultime 19 edizioni. In altre parole, dal 1996 a oggi il 42% delle volte il premio massimo è finito a Roma. Tra le curiosità legate alle vincite realizzate nella capitale, il ‘giallo’ dell’edizione 2008-2009 quando il premio da 5 milioni non fu riscosso. Rimesso in gioco per l’edizione successiva (che presentava così due premi da 5 milioni), fu questa volta assegnato e – ironia della sorte – ancora una volta nella capitale. Nessuna altra città d’Italia tiene il passo di Roma: Napoli insegue a distanza con tre premi da 5 milioni centrati dal 2006 a oggi (2006-2007-2011). Negli ultimi cinque anni la vincita di prima categoria ha premiato cinque città diverse: Genova, Napoli, Modena, Lecco e Roma.

 

Lotteria Italia: italiani popolo di smemorati, dal 2002 non riscossi premi per oltre 23 milioni di euro. Nel 2008 “dimenticato” il primo premio da 5 milioni

Oltre 23 milioni di euro: è questo il totale dei premi non riscossi della Lotteria Italia dal 2002 a oggi, corrispondenti a cinque vincite di prima categoria e una di seconda, un tesoretto che, rimasto senza padrone, finisce nelle casse erariali. La storia della Lotteria Italia è costellata da dimenticanze milionarie, su tutte quella clamorosa da 5 milioni di euro, corrispondente al primo premio dell’edizione del 2008, vinto a Roma ma mai riscosso. Da ricordare per le dimenticanze dei giocatori anche il 2003, quando i premi non riscossi ammontarono a quasi 4 milioni di euro. L’anno seguente i biglietti vincenti dimenticati furono pari a 1,1 milioni. Sopra quota 1 milione di euro anche il 2007, il 2011 con 2 milioni e il 2013: nella penultima edizione non sono stati reclamati 1,7 milioni di euro, tra cui il quarto premio da 1 milione finito a L’Aquila. Lo scorso anno invece sono stati dimenticati 850 mila euro. Regolamento alla mano, i giocatori hanno 180 giorni di tempo per incassare gli eventuali premi, presentando il tagliando vincente, integro e in originale, negli sportelli di Banca Intesa Sanpaolo oppure all’Ufficio Premi di Lotterie Nazionali. Il pagamento avviene entro 30 giorni dalla data di presentazione del biglietto. Il biglietto può anche essere spedito direttamente all’Ufficio Premi, con una raccomandata A/R, indicando le generalità, l’indirizzo del richiedente e la modalità di pagamento (assegno circolare, bonifico bancario o postale).

 

Lotteria Italia: baluardo delle lotterie tradizionali, in passato fino a 13 lotterie diverse

La Lotteria Italia, insieme alla Lotteria abbinata al Premio Braille che dovrebbe essere confermata anche nel 2016, rappresentano oggi le due uniche lotterie tradizionali rimaste sul mercato, ma negli anni ’90 se ne contavano fino a 13. Poi, a partire da inizio 2000 – anche a causa della concorrenza di giochi sempre più veloci – è iniziato il declino: dalle sei lotterie del quinquennio 2000-2004 si è passati alle cinque del 2005, scese poi a quattro nel periodo 2006-2008 (Viareggio, Giornata del Bambino africano, Merano e Lotteria Italia), a tre nel 2009 (Sanremo, Giro d’Italia e Lotteria Italia), due nel 2010 (Sanremo e Lotteria Italia) fino ad arrivare alla sola Lotteria Italia tra 2011 e 2014. Lo scorso anno l’inversione di rotta, con la Lotteria abbinata al Premio Braille introdotta nel 2015, che porta nuovamente a due, con la Lotteria Italia, il novero di lotterie tradizionali.

 

Lotteria Italia: ecco come riscuotere i premi. Il 92% degli italiani investirebbero i soldi per sistemare figli, nipoti, genitori e pagare i debiti

Per riscuotere si dovrà presentare il biglietto vincente  presso uno sportello di Banca Intesa oppure presso l’Ufficio Premi del Consorzio Lotterie Nazionali – viale del Campo Boario, 56/D – 00153 Roma, indicando tra le altre cose anche la modalità di pagamento richiesta (assegno circolare, bonifico bancario o postale). I premi possono essere richiesti entro il 180° giorno successivo a quello della pubblicazione nella G.U. del bollettino ufficiale dell’estrazione mentre il pagamento avviene entro 30 giorni dalla data di presentazione del biglietto.  Ma una volta incassati i soldi, come verrebbero spesi? Secondo un sondaggio dell’agenzia specializzata Agimeg, a vincere è sempre il mattone. La maggioranza degli italiani (circa il 64%), comprerebbe una casa che in tempo di crisi è un sogno di molti. Tra i primi pensieri però c’è quello di sistemare figli, nipoti o genitori e risolvere le proprie pendenze (92%). L’idea di fare un viaggio indimenticabile perde colpi (solo il 15% delle preferenze), così come l’acquisto di un bene di lusso (7%). Il 72% farebbe anche della beneficenza.

 

Lotteria Italia: la prima edizione della lotteria nazionale italiana si svolse nel 1933 a Tripoli. Arriva la vendita a rate della lotteria

La prima Lotteria nazionale italiana si svolse a Tripoli in Libia, all’epoca sotto la dominazione italiana, nel 1933 e venne abbinata al Gran Premio di Tripoli di automobilismo. Il biglietto aveva un costo di 12 lire. Per la cronaca vinse Achille Varzi, alla guida di una Bugatti, che precedette sul traguardo Tazio Nuvolari su una Alfa Romeo. Per aumentare la diffusione dei biglietti, per la Lotteria di Tripoli del 1934 si studiò una particolare vendita. I dipendenti di alcune ditte potevano infatti avere una scheda dove andavano applicati 12 tagliandi gommati da 1 lira ciascuno. La scheda completa dei 12 tagliandi dava diritto al ritiro di un biglietto. Insomma una sorta di vendita a rate della lotteria.

Commenta su Facebook


Realizzazione sito