Cerca nel sito
Facebook Twitter Youtube RSS
 

Bienkowska (Ue): “Stati membri liberi di stabilire sistemi di tassazione sui giochi salvo misure in contrasto con i trattati”

In: Leggi

2 settembre 2016 - 13:05


Bieńkowska

(Jamma) – “Secondo la legge della Comunità europea, gli Stati membri sono liberi di stabilire i propri sistemi di tassazione sui giochi, a patto che le misure nazionali non siano discriminatorie o comunque in contrasto con i trattati. In più gli Stati membri, entro i limiti stabiliti dalla Corte di giustizia europea, possono definire il livello di protezione che desiderano contro i rischi connessi al gioco d’azzardo e determinare l’organizzazione e il controllo dell’offerta di gioco nel loro territorio”.

 

E’ quanto afferma il commissario europeo per il Mercato interno, Elzbieta Bienkowska, rispondendo ad un’interrogazione presentata dall’eurodeputato Tomáš Zdechovský (Dpi) sulla tassazione del gioco online. “La Commissione ha definito in una raccomandazione una serie di principi per la protezione dei consumatori, dei giocatori, dei minori e la regolazione dei servizi di gioco d’azzardo online – prosegue nella sua risposta Bienkowska –. Ma la scelta specifica di misure dipenderà dal particolare contesto giuridico e di mercato in ciascuno Stato membro, così come le differenze culturali. Mentre possono esserci approcci diversi per il gioco d’azzardo, sembra che in generale gli Stati membri condividano l’obiettivo di un elevato livello di tutela dei consumatori e di contrasto al gioco illegale”.



Realizzazione sito

www.jamma.it utilizza i cookies per offrirti una navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti che si usino cookie per le finalità espresse nella nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi